A SHANGHAI LA PRIMA PERSONALE IN CINA DI GIOVANNI OZZOLA

A SHANGHAI LA PRIMA PERSONALE IN CINA DI GIOVANNI OZZOLA

SHANGHAI\ aise\ - Sarà la prima mostra personale in Cina quella che Giovanni Ozzola inaugurerà il 22 giugno alla Fosun Foundation di Shanghai. L’esposizione, organizzata in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura, sarà aperta al pubblico sino al 18 agosto.
Attraverso il monitoraggio dei mutamenti fra giorno e notte, questa mostra presenterà l’elemento emblematico dell’esplorazione, della prospettiva e dell’orizzonte di Ozzola, che risuona con la storia culturale di Shanghai in quanto retrospettiva dell’impronta dell’umanità. Come una brezza estiva dalle Isole Canarie la mostra evocherà i banali sentimenti di ogni giorno e i ricordi ignorati dalle persone. L’arte di Ozzola incorpora varie discipline; infatti attraverso l’uso della fotografia, della scultura, della videografia e degli altri mezzi contempla l’architettura, il tempo, l’energia, la luce e la natura. Riempiti dalla sensibilità derivante da luci e colori questi lavori scatenano l’energia nascosta nello spazio con immagini potenti che forniscono agli spettatori una nuova esperienza cognitiva. Permettono agli spettatori di accorgersi dello scorrere del tempo attraverso la trasformazione degli stessi oggetti, e di sentire il silenzio dello spazio attraverso le immagini che mutano attorno a statiche sculture.
Giovanni Ozzola è nato nel 1982 a Firenze e attualmente vive e lavora a Tenerife, nelle isole Canarie. Ha iniziato la sua carriera nel 2001 con una mostra di gruppo dal nome Happiness: A Survival Guide for Art and Life, curata da David Elliott e Pier Luigi Tazzi al Mori Art Museum di Tokyo, da allora Ozzola si è esibito in tutto il mondo.
Fra le mostre personali del 2017 ricordiamo: "Wrecks and Rooms with Stars" all’Untitled Association a Berlino, "Sistemi di visioni/Sistemi di Realtà" al Centro Espositivo per le Arti Contemporanee di San Michele degli Scalzi a Pisa, "adrift" all’Homecoming Centre di Città del Capo e alla SMAC Gallery a Stellenbosch e "Scars" alla SMAC Gallery a Città del Capo. Ozzola ha preso parte a (RE) BIRTH, curata da Fabrice Bousteau per Abu Dhabi Art nel 2016, e Teoria della nuvola curata da Davide Ferri alla galleria Marcolini di Forlì. Fra le mostre di gruppo ricordiamo: "Earth and Ever After", una mostra per il 21,39 Jeddah Art event a Gedda, e "YOU + ME = US" alla Galleria Continua dell’Avana. In Cina ha esposto in passato in occasione di mostre collettive all’OCT Contemporary Art Terminal di Shanghai e al Guangdong Museum of Art a Guangzhou. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi