DALLA CINA UN NUOVO RICONOSCIMENTO INTERNAZIONALE ALLO STUDIO FUSE*

Dalla Cina un nuovo riconoscimento internazionale allo studio fuse*

PECHINO\ aise\ - Un nuovo riconoscimento internazionale allo studio fuse*. La CITIC Press Lightening Selection 2020 ha premiato l’installazione AMYGDALA come miglior “Outdoor works of light”.
La CITIC Press Lightening Selection è un bando internazionale organizzato dal CITIC Press Multimedia Lab di Pechino e dalla MANA Global New Media Art Platform di Shanghai. Il premio è dedicato alla scoperta e al sostegno di artisti audiovisivi e, oltre ad essere una vetrina per mostrare al pubblico sorprendenti opere multimediali, prevede diverse categorie e premi per creazioni artistiche basate sulla luce.
L’edizione 2020 ha raccolto più di 700 progetti da 39 Paesi e nel dicembre scorso la giuria internazionale, composta da ricercatori accademici, artisti e curatori, ha assegnato l’Outdoor Works of Light Individual Award all’installazione AMYGDALA di fuse*.
La cerimonia di premiazione è stata per ora rinviata, ma il nuovo premio si aggiunge ai molti riconoscimenti internazionali ricevuti dallo studio e compagnia di produzione con base a Campogalliano (Modena) per le sue stupefacenti creazioni in cui arte e scienza si incontrano.
L’opera AMYGDALA ascolta i pensieri condivisi attraverso canali e reti sociali digitali, ne interpreta lo stato d’animo e traduce i dati raccolti in una installazione audiovisiva capace di rappresentare lo stato emotivo collettivo della rete. L’obiettivo è quello di rendere visibile il flusso di dati e di informazioni che costantemente vengono creati dagli utenti e che possono essere ascoltati e interpretati da chiunque, per stimolare una riflessione sulle opportunità e i rischi della rivoluzione digitale che stiamo vivendo.
Negli ultimi mesi, partendo dal progetto originario creato nel 2016, fuse* ha realizzato anche un prototipo per rendere accessibile il cuore dell'installazione attraverso una pagina web (disponibile su Amygdala Web v0.1).
Uno dei motivi che ha spinto alla realizzazione di questo adattamento è stato il desiderio di creare un’esperienza che fosse fruibile da remoto e che l'utente potesse fare direttamente dal proprio browser. Un tentativo di creare un senso di interconnessione e superare le limitazioni imposte durante i periodi di lockdown causati dalla pandemia COVID-19 che hanno segnato la fase storica che stiamo attraversando.
Dal 5 al 30 aprile, AMYGDALA sarà presentata anche al prestigioso Georgia Institute of Technology di Atlanta, nell’ambito delle Georgia Tech Arts Series. (aise)