La collezione d’arte dell’IIC Bruxelles in mostra al Collegio d’Europa di Bruges

BRUGES\ aise\ - Si è aperta ieri, 12 aprile e proseguirà sino al 16 la “Settimana Italiana” organizzata dalla Società Italiana nel Collegio d’Europa di Bruges, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles, per portare la cultura negli spazi che vengono quotidianamente vissuti dagli studenti del Collegio.
L’iniziativa di spicco sarà l’allestimento nella residenza studentesca “Karel Varleije”, monastero monumentale del 1847 appartenuto alle “Redemptoristine nuns”, di una mostra di importanti opere d’arte della collezione permanente dell’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles, curata dal direttore Paolo Sabbatini. Nella Sala del refettorio saranno ospitate importanti opere, tra cui “La Ballerina” di Marco Lodola, realizzata nel 2004, e altre ispirate alla Divina Commedia, in occasione del 700mo anniversario della morte del Sommo Poeta.
L’allestimento è stato presentato, online e nel rispetto delle misure anti-Covid19, dal direttore Sabbatini, che ha illustrato la mostra e ha parlato dell'importanza della promozione della cultura italiana. L'evento online è stato seguito dagli studenti del Collegio, dalla docente di lingua italiana, Maria Cristina Coccoluto, con la presentazione della rettrice del Collegio, Federica Mogherini, e dell’ambasciatore d’Italia in Belgio, Francesco Genuardi.
L’esposizione è finalizzata ad attirare l'attenzione sulle bellezze dell’Italia e potrà essere ammirata in presenza dagli studenti della residenza in questione.
Gli studenti che si occupano di organizzare questa iniziativa forniranno spiegazioni riguardo alle opere esposte e pubblicheranno foto delle opere sui canali sociali, al fine di pubblicizzare nel migliore dei modi le attività dell’Istituto Italiano di Cultura e del “Sistema Italia” in Belgio. (aise)