ROMARAMA: DALL’ARA PACIS AL CASINO NOBILE I MUSEI CIVICI INCONTRANO IL PUBBLICO ON LINE

Romarama: dall’Ara Pacis al Casino Nobile i musei civici incontrano il pubblico on line

ROMA\ aise\ - La nascita del Foro della Pace e la sua funzione di polo culturale all’interno dei Fori Imperiali, il dietro le quinte dei Musei di Villa Torlonia, l’oblio e la ricomposizione dell’Ara Pacis, il lavoro dei tassidermisti all’interno del Museo Civico di Zoologia. Questi alcuni degli appuntamenti di aMICI, gli incontri a cura della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali all’interno della programmazione di Romarama, che proseguono on line su Google Suite fino a dicembre gratuitamente e aperti a tutti. È obbligatoria solo la prenotazione - al numero 060608 - a seguito della quale l’accesso alla piattaforma con il link sarà inviato tramite email.
Se restano chiuse le porte dei musei a causa dell’emergenza sanitaria, si aprono dunque in rete le collezioni e le opere del patrimonio culturale capitolino. Ogni mercoledì e giovedì pomeriggio i curatori dei musei - guide d’eccezione di ogni appuntamento – incontrano il pubblico per approfondire le opere e i temi dei musei civici.
Il mese di dicembre si è aperto mercoledì 2 con Fulvia Strano e Palazzo Braschi: il pubblico ha potuto analizzare un’opera del Museo di Roma attraverso una lettura ravvicinata e domande via chat; giovedì 3 la protagonista è stata L’Arx (arce) capitolina con Roberta Tanganelli e Pamela Manzo a guidare alla scoperta di un’area legata alla tradizione romana più conservatrice, che ospitò anche culti dedicati a divinità esotiche come il tempio di Iside.
Domani, mercoledì 9, la curatrice dei Fori Imperiali Antonella Corsaro condurrà il pubblico alla scoperta del Foro della Pace, polo culturale di riferimento della città. Giovedì 10 due gli incontri previsti: Carla Marangoni svelerà il lavoro dei tassidermisti all’interno del Museo Civico di Zoologia e Annapaola Agati guiderà i visitatori dietro le quinte della vita del Casino Nobile di Villa Torlonia. Mercoledì 16 un confronto diretto fra artisti, stili e linguaggi del XX e XXI secolo a cura di Daniela Vasta: uno sguardo sulla mostra “Le altre opere. Artisti che collezionano artisti” ospitata alla Galleria d’Arte Moderna. E poi in calendario con Lucia Spagnuolo anche le vicende legate all’oblio e alla ricomposizione dell’Ara Pacis.
Giovedì 17 dicembre l’ultimo incontro - di Barbara Nobiloni - dedicato a due monumenti funerari nella Centrale Montemartini, secondo polo espositivo dei Musei Capitolini: Il fornaio Eurisace e il calzolaio Giulio Elio. (aise)


Newsletter
Archivi