"THE OCCASIONAL DEMON": LE POESIE DI PRIMO LEVI IN AUSTRALIA

"THE OCCASIONAL DEMON": LE POESIE DI PRIMO LEVI IN AUSTRALIA

SYDNEY\ aise\ - In occasione della Giornata della Memoria, che si celebra in tutto il mondo il 27 gennaio di ogni anno per commemorare il giorno in cui le truppe russe giunsero nel campo di concentramento di Auschwitz (27 gennaio 1945), l’Istituto Italiano di Cultura e la Great Synagogue di Sydney presenteranno la traduzione in inglese della raccolta di poesie di Primo Levi "The Occasional Demon".
Il volume verrà presentato il 30 gennaio nella sede dell’Istituto Italiano di Cultura da uno dei due traduttori, Marco Sonzogni della Victoria University of Wellington (NZ), che intratterrà una conversazione con il rabbino Benjamin Elton e Alice Loda della UTS di Sydney.
"The Occasional Demon" è un’edizione limitata di 36 poesie di Primo Levi, con testo in italiano e in inglese, pubblicata per celebrare il centenario della nascita del grande scrittore, avvenuta il 31 luglio 1919. Le poesie sono tratte dall’edizione Garzanti del "A ora incerta" e sono state tradotte da Marco Sonzogni e dal poeta, traduttore, critico letterario ed editore residente a San Diego (USA) Harry Thomas.
Chimico, scrittore e traduttore, il 22 febbraio 1944 Primo Levi (1919–1987) fu stipato insieme ad altri 650 ebrei in un treno diretto ad Auschwitz. Registrato come n. 174517, Levi fu condotto al campo di concentramento di Buna-Monowitz, all'epoca noto come Auschwitz III, e vi rimase fino a quando il campo non fu liberato dall'esercito sovietico, il 27 gennaio 1945. Dei 650 ebrei italiani che viaggiarono insieme a lui, Levi fu uno dei 20 prigionieri che sopravvissero al campo di sterminio. Meglio conosciuto per il suo libro dedicato all’esperienza dell’Olocausto "Se questo è un uomo" (1947) e per "Il sistema periodico" (1975), nominato dalla Royal Institution of Great Britain come il miglior libro scientifico di tutti i tempi, Levi fu anche autore di un romanzo, racconti, saggi e poesie scritte tra il suo ritorno da Auschwitz nel 1946 e la sua morte, avvenuta nel 1987.
Marco Sonzogni ha studiato all'Università degli Studi di Pavia (Almo Collegio Borromeo), alla National University of Ireland (Dublino), alla University of Dublin (Trinity College), alla Victoria University di Wellington e alla University of Auckland. Lo studio della filologia romanza, germanica e slava e della letteratura comparata (italiano, inglese e russo) ha stimolato la sua passione per le lingue e le culture straniere e per la traduzione letteraria. Pluripremiato poeta, traduttore ed editore letterario, Marco Sonzogni indaga le dimensioni accademiche e creative della traduzione letteraria in cui il legame indissolubile tra lingua e cultura è particolarmente evidente e cruciale. Le sue ricerche sono incentrate anche sulla letteratura italiana, la letteratura comparata, la letteratura mondiale, la storia del libro e l'editoria.
La presentazione, ad ingresso libero, avrà inizio alle ore 18.00 e si svolgerà in lingua inglese. (aise)


Newsletter
Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli