I lavori di Formafantasma in dialogo con il design americano di Russel Wright a Manitoga

Installation view of "Formafantasma at Manitoga's Dragon Rock: Designing Nature" at Manitoga / The Russel Wright Design Center. Photo by Michael Biondo (part.). Courtesy of Manitoga / Michael Biondo Photography

NEW YORK\ aise\ - Si è aperta il 13 maggio presso il Design Center di Garrison, New York, la mostra “Formafantasma at Manitoga’s Dragon Rock: Designing Nature”, organizzata da Magazzino Italian Art in collaborazione con Manitoga / The Russel Wright Design Center. La mostra sarà allestita sino al 14 novembre 2022.
Da sempre interessati alla complessa relazione tra design e mondo naturale, Andrea Trimarchi e Simone Farresin, alias il duo Formafantasma, presentano una selezione di circa 20 opere in dialogo con Manitoga, casa-studio del celebre designer americano Russel Wright (1904-1976) detta “Dragon Rock“. Esempio iconico di architettura modernista nell'Hudson Valley, l’edificio voluto da Russel Wright e sua moglie Mary Small Einstein è stato progettato in dialogo con il paesaggio circostante e costruito con materiali naturali come pietra, legno e vetro.
Sin dalla fondazione del loro studio, Trimarchi e Farresin hanno sviluppato un corpus di lavori che si contraddistingue per le indagini sperimentali sui materiali, l’esplorazione di temi quali il rapporto tra tradizione e cultura locale, i possibili approcci critici alla sostenibilità e il significato degli oggetti come veicoli culturali. L’intervento a Manitoga ha offerto a Formafantasma la possibilità di accostarsi al lavoro di Wright, andando ben oltre la padronanza del design industriale di quest’ultimo. Quanto agli aspetti legati alla curatela, il duo ha adottato un approccio collaborativo per garantire una conversazione critica tra le opere in mostra e l’ambiente circostante.
La selezione di opere esposta a Dragon Rock, in armonia con l'architettura dello spazio, si concentra principalmente sui primi lavori di Formafantasma. In questi pezzi la ricerca dei materiali e la preferenza per l’organico incontrano, con modalità familiari e talvolta inaspettate, l'attitudine sperimentale di Wright e la sua concezione di architettura come estensione del paesaggio limitrofo.
L’installazione mostra la natura parallela delle pratiche di Formafantasma e di Wright: ognuno lavora intuitivamente con l'ambiente circostante per produrre sinergie senza soluzione di continuità. Tuttavia, per Trimarchi e Farresin, la selezione dei lavori ha tenuto in considerazione le narrazioni preesistenti a Manitoga: la casa, il paesaggio e la pratica personale di Wright. Il processo curatoriale ha portato alla luce un fruttuoso riconoscimento dell'architettura all'interno del lavoro di Formafantasma e infine ha permesso ai designer di trattare la casa non solo in quanto spazio espositivo, ma bensì di introdurvi gli oggetti in accordo con l'ambiente.
Nonostante molteplici mostre negli Stati Uniti e collaborazioni con musei per facilitare le acquisizioni, il duo Formafantasma si è detto entusiasta di collaborare con Manitoga e Magazzino Italian Art per quella che risulta essere la loro prima installazione site-specific negli Stati Uniti.
Altrettanto “orgoglioso di collaborare per la prima volta con Manitoga / The Russel Wright Design Center e di dare il proprio benvenuto al duo di designer italiani Formafantasma” si è detto Vittorio Calabrese, direttore di Magazzino Italian Art, sottolineando gli “interventi leggeri” realizzati dai designer “all'interno di alcuni degli spazi più intimi di Dragon Rock”, entrando “in dialogo con il lavoro di Russel Wright, con l'architettura della casa e dello studio e con il paesaggio circostante”.
“L'apertura lo scorso anno della Russel & Mary Wright Design Gallery all'interno di Dragon Rock a Manitoga ha creato nuove possibilità per il nostro Centro”, ha spiegato Allison Cross, executive director di Manitoga / The Russel Wright Design Center, “come l'opportunità di invitare designer, artisti visivi e performer per avviare un dialogo con l'eredità di Wright. Anche se quasi un secolo li separa, sia il lavoro di Wright che quello di Formafantasma affrontano le problematiche ambientali, chiedendosi se il design può essere custode della natura e del nostro futuro”.
La mostra si avvale del sostegno della Galleria Giustini / Stagetti di Roma. È possibile visitare Manitoga, prenotando una visita guidata, dal venerdì al lunedì, a questo link.
Andrea Trimarchi (1983) e Simone Farresin (1980) sono Studio Formafantasma, un duo di designer italiani con base a Amsterdam in Olanda. Il loro interesse per il design si è sviluppato durante il master IM alla Design Academy Eindhoven, dove si sono laureati nel luglio 2009. Da allora, Formafantasma ha sviluppato un corp us coerente di lavor i caratterizzato da indagini sperimentali sui materiali e ha esplorato tematiche quali la relazione tra tradizione e cultura locale, gli approcci critici alla sostenibilità e il significato degli oggetti come veicoli culturali. Percependo il proprio ruolo come un ponte tra artigianato e industria, oggetto e utente, Formafantasma è interessato a creare collegamenti tra la propria pratica basata sulla ricerca e una più ampia industria del design. Il loro lavoro è stato esposto a livello internazionale in musei come il MoMA, New York, US; Victoria and Albert Museum, Londra, UK; The Metropolitan Museum of Art, New York, US; The Chicago Art Institute, Chicago, US; Centre Georges Pompidou, Parigi, FR; Textiel Museum, Tilburg, NL; Stedelijk Museum, Amsterdam, NL; MUDAC, Losanna, CH; Mint Museum of Craft and Design, North Carolina, US; e il MAK Museum, Vienna, AT. Nel marzo 2011, Paola Antonelli, del Museum of Modern Art di New York, e Alice Rawsthorn, stimata critica di design , hanno indicato S tudio Formafantasma tra coloro che daranno forma al futuro del design.
Situato a Garrison, New York, circa un'ora a nord di New York City, Manitoga comprende la casa - studio, detta Dragon Rock, del designer industriale americano Russel Wright (1904-1976) e I trenta ettari di paesaggio boschivo che la circonda. Manitoga è uno dei National Historic Landmark ed è una delle poche architetture moderne del XX secolo in un ambiente incontaminato apert o al pubblico. Manitoga / The Russel Wright Design Center è custode di questo luogo in quanto incarnazione della filosofia d el design di Wright e del lavoro di una vita . Attraverso programmi ed eventi c elebra il design come mezzo per vivere in armonia creativa con la natura. Nel 2021 è stata inaugurata la Russel & Mary Wright Design Gallery , offrendo al pubblico un'esposizione permanente, in loco, de gli innovativi progetti dei Wright.
Magazzino Italian Art è il museo e centro di ricerca per la promozione dell’arte italiana contemporanea e del secondo dopoguerra negli Stati Uniti. Il museo si trova a Cold Spring, nello stato di New York, ed è un’istituzione no-profit. Attraverso iniziative curatoriali, scientifiche e di divulgazione, Magazzino vuole essere un punto di riferimento in Usa per creare collaborazioni tra organizzazioni americane e italiane, per sostenere gli artisti italiani contemporanei e promuovere il dibattito sull'arte italiana contemporanea e del secondo dopoguerra negli Stati Uniti. Magazzino è stato fondato da Nancy Olnick e da Giorgio Spanu ed è diretto da Vittorio Calabrese. Il museo di circa 2.000 metri quadrati, progettato dall’architetto spagnolo Miguel Quismondo, ha aperto al pubblico nel 2017, imponendosi come nuovo punto di riferimento culturale. Magazzino ha dato avvio ai lavori di costruzione di un nuovo edificio destinato a ospitare mostre, eventi e programmi didattici. Il nuovo Padiglione di 1.200 mq, denominato Robert Olnick Pavilion, farà sì che il museo disporrà in totale di 3.000 mq per le sue attività. Il progetto del nuovo edificio è degli architetti Alberto Campo Baeza e Miguel Quismondo. (aise)