Il meglio del design italiano in mostra a Teheran

TEHERAN\ aise\ - L’ambasciatore d’Italia a Teheran, Giuseppe Perrone, ha inaugurato l’anteprima della mostra internazionale del design italo-iraniano “Domus Design – Teheran 2022”, che avrà luogo nella capitale iraniana nella seconda metà di marzo.
La mostra trae ispirazione dall’esposizione “Domus Design” svoltasi a Teheran nel 1975 su iniziativa della rivista milanese, che presentò il meglio del design mondiale per la casa e per l’industria, con 280 pezzi di 116 designer. “La nuova mostra che abbiamo organizzato a Teheran intende riprendere lo spirito di quella storica esposizione”, ha dichiarato l’ambasciatore Perrone, “ripercorrendo le principali tappe della collaborazione tra Italia e Iran nel settore del design, per mettere in evidenza uno speciale legame tra Italia e Iran che dagli anni 50 in poi non ha mai cessato di produrre esemplari di design di rara bellezza”.
A partire da pezzi disegnati da Gio Ponti per le ville che stava realizzando negli anni ’50 e ’60, tra cui la spettacolare Villa Namazi di Teheran, l’anteprima racconta le storie più rappresentative del rapporto italo-iraniano nel design e nell’architettura. In mostra i visionari disegni di Gaetano Pesce per la Biblioteca Nazionale di Teheran, così come i progetti degli architetti iraniani contemporanei, quali quelli realizzati da Alireza Taghaboni, Sara Kalantari o pezzi di design di avanguardia, come l’avveniristica suite da pranzo con forme zoomorfiche di Kamran Naderi.
All’anteprima della mostra, accolta in uno degli storici edifici del complesso di epoca cagiara che ospita la Residenza dell’ambasciatore d’Italia, ha partecipato tra gli altri Walter Mariotti, direttore editoriale di Domus. (aise)