“Inner Life”: le opere di Sonia Ros all’IIC di Atene

ATENE\ aise\ - Dal 20 maggio al 30 giugno, l'Istituto Italiano di Cultura di Atene ospiterà “Inner Life”, una retrospettiva della pittrice italiana Sonia Ros, a cura di Afrodite Oikonomidou. L'evento gode del patrocinio dell'Ambasciata d'Italia ad Atene, della Regione Veneto e dell'IGAV-Istituto Garuzzo per le Arti Visive.
Sonia Ros, affermata artista veneziana, ha plasmato il suo lavoro sulla ricerca tra reale e immaginario, in un geniale tentativo di ponderazione tra astratto e figurativo. Le sue grandi tele, composizioni apparentemente caotiche, ci conducono in paesaggi utopici caratterizzati dalla presenza incombente di figure in continuo movimento, immaginarie esistenze primordiali, corpi irreali che si snodano in una danza tra fisicità ed emozione, tra sogno e realtà. Nella nuova serie di lavori selezionati per questa mostra l’autrice tenta un approccio molto speciale al tema del viaggio, attraverso il prisma dell’intimità. La creazione delle opere nasce dall'idea che ogni nostro spostamento è un'avventura e tutto ciò che scegliamo di portare con noi nel nostro bagaglio nasconde una vita interiore, riflette la nostra identità personale. Le scelte segrete e le storie silenziose di ognuno di noi, ben custodite in trolley ultramoderni o in valigie fatiscenti, sono costrette a svelarsi solo davanti ai metal-detector degli aeroporti. Ed è proprio da queste radiografie iper-reali e tecnologiche del controllo bagagli che Sonia Ros trae ispirazione. Le studia, le elabora con maestria e le trasforma in affascinanti opere d'arte che raccontano, con giochi di luce e colore, lo spettacolare mondo degli oggetti che accompagnano i nostri viaggi. Immagini di visionaria suggestione dove umili articoli quotidiani prendono vita, si trasformano e si intrecciano come una metafora dei nostri pensieri, dei desideri più intimi, come un viaggio negli strati più profondi del subconscio.
Il progetto “Inter Life” di Sonia Ros è stato presentato per la prima volta con grande successo all'aeroporto Marco Polo di Venezia, a cura di Silvio Fuso, durante la Biennale d’Arte del 2019. L’11 aprile - e sino all’11 settembre 2022 - il progetto è approdato all’Aeroporto Internazionale di Atene, nell’area arrivi, con una serie di lavori creati appositamente dall’artista sulla base di materiali prodotti in loco. L’esposizione non è visitabile liberamente da parte del pubblico, ma aperta soltanto a chi arriva in aereo ad Atene. Dal 20 maggio il progetto sarà anche all’Istituto Italiano di Cultura. (aise)