PERCHÉ ALLA FARNESINA MANCANO ANCORA LE DELEGHE? SIMONE BOSSI (LEGA) INTERROGA CONTE E DI MAIO

PERCHÉ ALLA FARNESINA MANCANO ANCORA LE DELEGHE? SIMONE BOSSI (LEGA) INTERROGA CONTE E DI MAIO

ROMA\ aise\ - Per “sapere quali siano le motivazioni che caratterizzano il ritardo nel conferimento delle deleghe, in particolar modo facendo riferimento a quella relativa al commercio estero, settore vitale per l'interesse nazionale”, il senatore della Lega Simone Bossi ha presentato una interrogazione al premier Conte e al Ministro degli esteri, Luigi Di Maio.
Ricordato che “il 5 settembre 2019 il nuovo Governo Conte II ha prestato giuramento” Bossi rileva, nella premessa, come “dopo 5 mesi di attività si apprende che mancano ancora due terzi delle deleghe per i sottosegretari; tra i Ministeri ancora in difetto – puntualizza il senatore – vanno citati alcuni tra i principali, quali quello dell'economia e delle finanze, quello dello sviluppo economico, degli affari esteri e della cooperazione internazionale e dell'interno”.
Osservato che “il conferimento delle deleghe è fondamentale per stabilire compiti e settori designati per ogni sottosegretario, e per garantire l'effettivo funzionamento collegiale dell'Esecutivo” e considerato che “una delle principali problematiche è quella relativa alla delega sul commercio estero”, Bossi scrive che “il ministro Di Maio, dopo aver ottenuto che la delega del commercio estero passasse dal Ministero dello sviluppo economico al Ministero degli affari esteri, non ha ancora assegnato la delega a nessun sottosegretario”.
Su questo punto, il senatore ha già interrogato il Governo: “in data 6 novembre 2019 – ricorda – è stato pubblicato un atto di sindacato ispettivo, presentato dall'interrogante (4-02453), recante la mancata assegnazione delle deleghe relative al commercio estero, che non ha mai ricevuto risposta; la situazione di contrazione dell'economia mondiale ed europea, le conseguenze del coronavirus sui dati del commercio globale, uno stato dell'export italiano non eccellente richiedono una cabina di regia sul commercio estero solida e decisa”.
Ribadito, infine, che “il ritardo nel conferimento della delega al commercio estero sta causando problematiche nel funzionamento delle macchine ministeriali preposte”, Bossi chiede al Governo “quali siano le motivazioni che caratterizzano il ritardo nel conferimento delle deleghe, in particolar modo facendo riferimento a quella relativa al commercio estero, settore vitale per l'interesse nazionale”. (aise)