"I GESUITI. DAL VATICANO II A PAPA FRANCESCO": ALLA DANTE IL LIBRO DI GIANNI LA BELLA

"I GESUITI. DAL VATICANO II A PAPA FRANCESCO": ALLA DANTE IL LIBRO DI GIANNI LA BELLA

ROMA\ aise\ - Verrà presentato domani, giovedì 4 luglio, presso la Galleria del Primaticcio di Palazzo Firenze, sede centrale della Società Dante Alighieri a Roma, il volume di Gianni La Bella "I gesuiti. Dal Vaticano II a Papa Francesco", edito da Guerini e Associati.
Insieme all’autore intervengono Andrea Riccardi, presidente della Società Dante Alighieri, padre Arturo Sosa Abascal, preposito generale della Compagnia di Gesù, e Andrea Tornielli, direttore editoriale del Dicastero della Comunicazione della Santa Sede.
Nessun ordine religioso ha lasciato un segno così indelebile nella storia della Chiesa moderna e contemporanea, come i gesuiti, circondati sin dal loro sorgere, da ammirazione e venerazione, associati a immagini che evocano eroismo, santità, scienza e intelligenza, ma anche temuti, combattuti strenuamente, non solo dagli avversari della Chiesa cattolica, ma anche da forze concorrenti all'interno di essa. La Compagnia di Gesù, oltre a essere un dinamico, originale ed efficiente ordine missionario, è stata per secoli un poliedrico think tank, un raffinato laboratorio culturale, in cui si sono elaborate molte delle politiche della Chiesa.
Questo libro nasce dall'idea di ricostruire le principali vicende che determinano, a partire dal Concilio Vaticano II, la genesi e lo sviluppo di quel lungo e complesso processo di "aggiornamento-rifondazione" dell'ordine, che ne trasforma le finalità e in parte l'identità, e che la maggioranza degli storici concorda nel riconoscere come la configurazione di una "Terza Compagnia", diversa da quella "restaurata", più affine e vicina a quella dei padri fondatori. I generalati di Pedro Arrupe dal 1965 al 1983 e quello del suo successore Peter Hans Kolvenbach dal 1983 al 2008 segnano con accenti, sensibilità e prospettive diverse le tappe di questa complessa e difficile transizione dell'ordine più potente della Chiesa cattolica, nonostante il drastico ridimensionamento dei suoi membri. Nessuna famiglia religiosa vive in un tempo così breve, negli anni del post-Concilio, una così significativa "metamorfosi". Con l'avvento al pontificato di Francesco, primo papa figlio di Sant'Ignazio, i gesuiti hanno ritrovato un nuovo protagonismo nella vita della Chiesa, ricevendo dal pontefice uno specifico mandato, circa missiones, quello di divulgare ed educare alla pratica del "discernimento spirituale", il "carisma dei carismi", come lo definisce Paolo VI, lo strumento per realizzare quella "conversione pastorale" cuore della riforma della Chiesa di cui parla nell'enciclica programmatica del suo pontificato, l'"Evangelii gaudium". (aise)


Newsletter
Archivi