IPERBOREA PORTA IN LIBRERIA LA SAGA DI GUNNAR

IPERBOREA PORTA IN LIBRERIA LA SAGA DI GUNNAR

ROMA\ aise\ - In un villaggio sperduto, circondato dai grandi vulcani e dagli infiniti ghiacciai del Sud dell’Islanda, vive Gunnar, giovane ribelle e indolente senza apparenti qualità, tanto da meritarsi il titolo di “idiota di Keldugnúpur”.
Reclutato dal fratello maggiore, prediletto dal padre, per misurarsi alle gare di lotta con la meglio gioventù della regione, riesce a dare una lezione agli arroganti e sleali figli del potente vicino, diventando futuro bersaglio di temibili vendette, ma guadagnandosi il rispetto degli altri e una nuova coscienza di sé: d’ora in poi prenderà in mano il proprio destino di eroe.
Imbarcato su una nave mercantile alla volta del mitico Nord, nel corso di avventurosi viaggi rivelerà il suo valore uccidendo un orso polare, lottando con giganti e troll, sfidando la collera dello jarl norvegese e duellando con i vichinghi del mar Baltico, fino a tornare a casa, uomo saggio, onorato e ricco.
Da questa settimana è in libreria la “Saga di Gunnar”, edita da Iperborea che la pubblica nella traduzione di Roberto Luigi Pagani.
Ambientata nel X secolo, la “Saga di Gunnar” traccia un passato eroico per una regione storicamente tra le più isolate d’Islanda, elevando il protagonista a capostipite delle sue genti.
Esempio tardo di un genere ormai al tramonto, quello delle “saghe degli islandesi”, il racconto mescola vaghi ricordi locali, leggende ed elementi fantastici agli stilemi delle favole e delle epiche cavalleresche basso-medievali. Libera da riferimenti genealogici e da rimandi al complesso intreccio storico di quei primi secoli, la breve saga si rivela particolarmente godibile per il lettore moderno: appassionante, a tratti divertente, nonché un perfetto esempio di come gli islandesi, nell’autunno del medioevo, amassero immaginare e celebrare il proprio passato. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi