“SESSANTOTTO. LA FESTA DELLA CONTESTAZIONE”: IL LIBRO DI AGOSTINO GIOVAGNOLI ALLA DANTE ALIGHIERI

“SESSANTOTTO. LA FESTA DELLA CONTESTAZIONE”: IL LIBRO DI AGOSTINO GIOVAGNOLI ALLA DANTE ALIGHIERI

ROMA\ aise\ - “Sessantotto. La festa della contestazione” (San Paolo Editore) è il titolo del libro di Agostino Giovagnoli che verrà presentato domani, 22 ottobre, alle 17.00 a Palazzo Firenze, sede centrale della Società Dante Alighieri.
Ne discutono con l'autore Andrea Riccardi, Marino Sinibaldi e Walter Veltroni.
C’è chi esalta il Sessantotto, identificandolo con la propria gioventù, e chi gli imputa colpe pesanti, compreso il terrorismo rosso degli anni di piombo. In realtà la stagione della contestazione fu molto breve, dal Free Speech Movement di Berkeley nel 1965 al maggio francese del 1968.
Nel libro di Giovagnoli se ne raccontano alcuni momenti significativi: la mobilitazione per i diritti civili negli Stati Uniti, le lotte degli studenti di Sociologia a Trento, la “battaglia” di Valle Giulia a Roma, l’occupazione della Sorbona… E se ne ricostruiscono le radici. Attraverso i canali sotterranei delle avanguardie artistiche come i beat o il rock’n’roll ballato da milioni di persone, i giovani percepirono che, grazie ai nuovi processi di globalizzazione, The times they are a-changin’, come cantava Bob Dylan.
Dal conflitto nucleare alla decolonizzazione, dalla lotta contro il razzismo in America del Nord alle rivoluzioni in America del Sud, dalla guerra del Vietnam alla corsa alla conquista dello spazio. Il Sessantotto è stato un movimento antiautoritario e anti-istituzionale che ha scosso il mondo degli adulti.
Ma se ha potuto farlo è perché quel mondo era già in crisi. La contestazione non fu una rivoluzione ma, anzitutto, una festa. Una travolgente esperienza collettiva di incontri con l’“altro” che superavano barriere sociali e culturali o differenze etniche e ideologiche, confini rigidi tra sanità e malattia o separazioni secolari tra pubblico e privato. Fu una reazione al progressivo svuotamento di legami familiari, sociali, istituzionali e una risposta alle ardue sfide dell’individualismo radicale imposto dalla società consumista. Preparato da mutamenti profondi, come quelli fatti emergere dal Vaticano II all’interno del cattolicesimo, il Sessantotto rivelò anche un’apertura al trascendente che però non venne compresa e ascoltata. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi