“TURISMO IN QUARANTENA”: IN USCITA IL LIBRO DI RAFFAELE RIO SUGLI EFFETTI DEL CORONAVIRUS SUL SISTEMA ITALIANO

“TURISMO IN QUARANTENA”: IN USCITA IL LIBRO DI RAFFAELE RIO SUGLI EFFETTI DEL CORONAVIRUS SUL SISTEMA ITALIANO

ROMA\ aise\ - Turismo in quarantena: cosa sta succedendo davvero? Come sta reagendo il mercato azionario settoriale? Cosa cercano online i potenziali turisti di tutto il mondo a proposito della Destinazione Italia?
Sono queste le domande a cui il presidente di Demoskopika, Raffaele Rio, ha cercato di rispondere nel suo nuovo saggio pubblicato in un libro in uscita “Turismo in quarantena. Gli effetti del Coronavirus sul sistema italiano”.
Sono migliaia le persone contagiate dal Covid 19 in Italia. I continui aggiornamenti nel quartier generale della Protezione Civile a Roma non fanno altro che confermare la diffusione crescente del Coronavirus in tutto il territorio nazionale. Da quel momento, il susseguirsi dei provvedimenti governativi si intreccia con le preoccupazioni, oltre che per lo stato di salute della popolazione, anche per gli effetti sull’economia e sul sistema turistico, in particolare. L’impennata delle cancellazioni dei voli e delle disdette nelle strutture ricettive del Bel Paese fanno temere il peggio. E c’è addirittura chi invoca un Piano Marshall per immettere liquidità nel sistema turistico italiano. Ma cosa sta succedendo davvero? Come sta reagendo il mercato azionario settoriale? Cosa cercano online i potenziali turisti di tutto il mondo a proposito della Destinazione Italia? E, ancora: quali potrebbero essere le ripercussioni del Covid 19 sull’incoming turistico italiano? Possiamo già archiviare, come perduta, l’imminente stagione estiva? Con oltre vent’anni di esperienza alle spalle nella programmazione e nell’analisi del mercato turistico, Raffaele Rio prova dunque a rispondere a queste domande con un linguaggio semplice ma rigoroso. Il tutto nonostante uno scenario in continua evoluzione.
Il saggio ospita in esclusiva le stime aggiornate dell’Istituto Demoskopika che il 4 febbraio scorso furono riprese dai principali network di tutto il mondo: New York Times, The Washington Post, Le Figaro, El Economista, The Guardian, Al Jazeera e altri.
Ore 21.40 di lunedì 9 marzo 2020. Il presidente del Consiglio Conte convoca improvvisamente i giornalisti a Palazzo Chigi: l’Italia intera diventa area protetta. Spostamento solo per casi autocertificati di lavoro, necessità e salute. Scuole e università chiuse. Circa settantadue ore dopo, Piazza Affari perde il 16,92%, il peggior crollo di sempre. La Commissione europea blocca tutti gli ingressi non essenziali in Europa. E, intanto, l’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiara il Covid 19 pandemia mondiale. Quei lunghi giorni saranno scolpiti nella mente degli italiani come i più bui nella guerra contro il Coronavirus. E il turismo? (aise) 

Newsletter
Archivi