Emilio Vavarella al CYFEST-13 di San Pietroburgo con il Consolato

SAN PIETROBURGO\ aise\ - Il Consolato Generale d’Italia patrocina e sostiene CYFEST-13, la tredicesima edizione di uno dei principali Festival internazionali di media art in Europa orientale. Inaugurato nel 2007 da un gruppo di artisti e curatori indipendenti di San Pietroburgo con l’ambizione di riunire i professionisti dell'arte, programmatori, ingegneri e media manager di tutto il mondo per ampliare i confini dell'arte contemporanea, intrecciandola con scienza e tecnologia, il CYFEST è stato dedicato quest’anno al tema “Cosmo e Caos”.
Da parte italiana l’edizione del 2021 è stata caratterizzata dalla partecipazione di Emilio Vavarella, artista interdisciplinare e ricercatore scientifico. Un suo film è stato proiettato nel prestigioso Teatro dell’Ermitage il 21 novembre, accompagnato da una esposizione di suoi lavori ispirati alla Metamorfosi di Ovidio.
“Ogni stile nell'arte ha cercato di dare vita al proprio cosmo: una struttura estetica e una soluzione formale. Ma cosa succede quando l'estetica e il formale perdono il loro significato nel processo di determinazione di cosa sia l'arte? Un abisso fa nascere un abisso? Cosa potrebbe generare un'informazione “incommensurabile”? O le nuove tecnologie presto inghiottiranno completamente l'estetica e il nostro vecchio cosmo di significati non interesserà assolutamente a una nuova generazione di artisti?”, si è chiesta la curatrice della manifestazione Elena Gubanova introducendo all’edizione 2021, che ha visto quest’anno oltre 70 partecipanti provenienti da 17 Paesi diversi.
Tra questi Anton Vidokle, artista, curatore, partecipante a Document 13 e alla 56a Biennale di Venezia, fondatore e caporedattore della rivista e-flux; il gruppo artistico e pioniere dell'arte scientifica russa Where Dogs Run; l’artista del suono, archeologo dei media e designer di strumenti musicali Boris Shershenkov; l’artista austriaca, già ospite del festival Ars Electronica, Rebecca Merlic; il musicista sperimentale di New York ed ex curatore di Harvestworks Hans Tammen.
Il festival proseguirà sino al 28 novembre in diverse sedi cittadine: la AIR Gallery, la Luda Gallery, il Borey Art Center, lo State Hermitage Youth Education Center, la Annenkirche e la Saint Petersburg Stieglitz State Academy of Art and Design. (aise)