Al via l'Adriatica Ionica Race 2021

TRIESTE\ aise\ - È stata varata questa mattina con una presentazione virtuale che ha avuto il proprio fulcro nel cuore di Trieste l'edizione 2021 della Adriatica Ionica Race, la gara per professionisti che si correrà da domani, 15 giugno, al 17 giugno prossimo con il sostegno di Enit - Agenzia Nazionale del Turismo.
A fare gli onori di casa, insieme all'iridato Moreno Argentin, sono stati il primo cittadino di Trieste Roberto Di Piazza insieme all'assessore allo sport Giorgio Rossi.
Tre le tappe in programma, per un totale di 491 chilometri, che si svilupperanno tra Friuli Venezia Giulia (1^ Tappa: Trieste - Aviano), Veneto (Vittorio Veneto - Cima Grappa) ed Emilia Romagna (3^ Tappa: Ferrara-Comacchio). Un itinerario che strizza l'occhio agli appassionati delle due ruote e che è stato promosso con l'appoggio dei Governatori Regionali Massimiliano Fedriga, Luca Zaia e Stefano Bonaccini e con il supporto di Enit, l'Agenzia Nazionale del Turismo.
"Pur con una formula ridotta a causa delle tante incertezze legate alla pandemia da Covid-19 abbiamo voluto tenere fede alla filosofia che da sempre ci contraddistingue" ha anticipato Moreno Argentin. "Per questo le tre tappe che abbiamo disegnato sono tre perle all'interno delle quali abbiamo racchiuso oltre a dei contenuti tecnici rilevanti anche tutte le eccellenze che caratterizzano i territori che andremo ad attraversare. La frazione d'apertura sarà legata al tema dell'acqua e permetterà di vivere un finale aperto ad ogni soluzione; la partenza da Vittorio Veneto e l'arrivo sul Monte Grappa, dopo aver attraversato le Colline del Prosecco, sarà un tributo alla storia del nostro Paese e, allo stesso tempo, la valorizzazione, nel rispetto della natura, di quella che è da sempre una palestra naturale per le due ruote. Infine la terza ed ultima tappa partirà da una città ricca di cultura e di storia come Ferrara e riserverà alcuni spettacolari passaggi sugli sterrati emiliani per concludersi a Comacchio, la Piccola Venezia. Saranno tre bellissimi giorni di gara che consentiranno a tanti corridori italiani di preparare al meglio l'appuntamento con il Campionato Italiano di Imola e ai tifosi di riscoprire alcuni dei luoghi più belli del nostro Paese".
Quattro le maglie in palio, realizzate da GSG, svelate alla presenza del numero uno della Federazione Ciclistica Italiana, Cordiano Dagnoni: la maglia blu che contraddistinguerà il leader della classifica generale griffata Geo&Tex2000, la maglia verde degli scalatori che sarà patrocinata da ENIT, la maglia bianca di Gabetti Group per la classifica dei giovani e la maglia rossa Full Speed Ahead per i velocisti.
"Il Friuli è felice di salutare la partenza della terza edizione della Adriatica Ionica Race: una gara che si è chiusa per due volte sulle nostre strade e che ha sempre regalato grande visibilità al nostro territorio" ha osservato Massimiliano Fedriga, presidente della Regione Friuli Venezia Giulia.
"Il Veneto è la terra del ciclismo per antonomasia. Da noi il ciclismo fa parte della cultura popolare e rappresenta un grande traino non solo per il tessuto associativo della nostra regione ma anche per tutto il comparto del turismo che va sempre più nella direzione della bicicletta. L'arrivo sul Monte Grappa sarà una grande occasione non solo per gli scalatori più forti ma anche per tutti coloro che seguiranno la corsa per ricordare e rendere omaggio ancora una volta a chi ha lottato per la libertà del nostro Paese" ha aggiunto Luca Zaia, presidente della Regione Veneto.
"Siamo la new entry in questa manifestazione e siamo felici di essere entrati a far parte per la prima volta di un evento sportivo di questo rilievo. L'arrivo finale con la Ferrara - Comacchio rappresenta una grande opportunità per tutto il nostro territorio di promuovere le proprie bellezze come ad esempio il Parco Regionale del Delta del Po e le Valli di Comacchio che faranno da sfondo al gran finale della corsa" ha sottolineato Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia Romagna.
"Enit non poteva mancare in un evento che partirà dall'Area Marina Protetta di Miramare, che transiterà sulle Colline del Prosecco inserite dall'Unesco nel Patrimonio dell'Umanità, giungerà all'interno della futura Riserva della Biosfera del Monte Grappa e si chiuderà all'interno del Parco Naturale del Delta del Po. Il turismo del futuro è sempre più green e sempre più legato alla bicicletta. Questi sono i valori che ci uniscono alla Adriatica Ionica Race e che ci rendono orgogliosi di esserne parte" ha aggiunto il Direttore Esecutivo di ENIT, Giovanni Bastianelli.
Insieme ai presidenti regionali ad applaudire lo sforzo organizzativo degli uomini di Moreno Argentin anche i sindaci delle sedi di tappa tra cui Ilario De Marco Zompit, primo cittadino di Aviano, Antonio Miatto, sindaco di Vittorio Veneto, Annalisa Rampin, di Pieve del Grappa, Alan Fabbri, di Ferrara e Pierluigi Negri, sindaco di Comacchio.
Una gara che promette spettacolo quella che vedrà al via ben 16 formazioni composte da 7 atleti ciascuna che è stata tenuta a battesimo da uno speciale trio di Campioni del Mondo: Gianni Bugno, Mario Cipollini e Alessandro Ballan. (aise)