“Around InItaly”: la nuova start up di promozione turistica

ROMA\ aise\ - È tanta la voglia di tornare a viaggiare. Che sia mare, montagna, lago o città d’arte, gli italiani quest’estate per la maggior parte trascorreranno le vacanze nel proprio Paese, optando per destinazioni autentiche da assaporare a ritmi lenti, con sguardo attento e consapevolezza. Il trend è riscoprire le bellezze di casa nostra, preferendo territori ancora poco conosciuti, scegliendo esperienze sempre più coinvolgenti, innovative e sostenibili. E non importa quanti giorni si abbiano a disposizione per staccare la spina. L’importante è rendere entusiasmante l’itinerario.
A questo ha pensato “Around InItaly”, una nuova start-up di promozione turistica nata dall'osservazione dei processi di trasformazione che stanno investendo il Paese, con la volontà di accompagnare il viaggiatore attraverso un nuovo modo di concepire il viaggio. Grazie alla partnership con operatori turistici di respiro sia nazionale sia internazionale, collegandosi al sito web www.aroundinitaly.it, prestissimo anche in versione inglese, con un semplice click si può comodamente prenotare la proposta scelta tra le innumerevoli idee tra cui spulciare.
C’è solo l’imbarazzo della scelta: da Nord a Sud, passando per il Centro Italia. Un esempio? Al sud – in Calabria – un itinerario porta alla scoperta delle suggestive Ghost City, borghi abbandonati in seguito a calamità naturali, che conservano un sottile fascino quando non un’atmosfera magica. Spesso si incontrano edifici abbandonati o ruderi dal valore storico tra cui passeggiare, immaginando e respirando storie vissute. Ma tante altre sono le proposte lungo lo Stivale da percorrere a piedi, in bicicletta o con l’auto.
Sul sito di Around InItaly anche un blog che, attraverso più uscite settimanali, renderà maggiormente dinamico il rapporto con il lettore-fruitore che potrà trovare approfondimenti, notizie e quant’altro ruota attorno ai viaggi e all’enogastronomia.
Nuove ispirazioni di viaggio per assaporare lo spirito dei luoghi attraverso tutti i sensi, dove il viaggiatore non sia solo lo spettatore di un film ma il vero protagonista, grazie a un’interpretazione esperienziale del turismo.
Per dirla con la fondatrice Monica Meglioli, si è pensato di costruire una realtà attraverso la quale promuovere itinerari nuovi, diversi, originali, “sensibili alle foglie”, in cui valorizzare l'intera filiera: ristorazione, strutture alberghiere e agrituristiche, realtà enogastronomiche e manifatturiere.
Ad essere proposti, quindi, sono itinerari inesplorati o poco conosciuti, al di fuori dalle rotte più inflazionate, per valorizzare le realtà locali, all’interno di una dimensione globale. (aise)