“Il cibo è cultura”: inizia la 23ª edizione di “VolterraGusto”

VOLTERRA\ aise\ - Sarà una “VolterraGusto” piena di significati quella che oggi e domani, 23 e 24 ottobre, e ancora da sabato 30 ottobre a lunedì 1° novembre si prepara ad ospitare Volterra (Pisa).
Cuore pulsante della manifestazione - allestita tra Piazza dei Priori, Le Logge di Palazzo Pretorio, la saletta di Via Turazza e le cantine di Palazzo Viti - sarà la XXIII edizione della Mostra mercato del tartufo bianco e dei prodotti tipici dell’Alta Valdidecina che dalle 15 alle 20 di oggi e dalle ore 10 alle ore 20 gli altri giorni celebrerà Sua Maestà il tartufo affiancato dai tanti produttori che proporranno formaggi, vino, confetture, dolci, cioccolato e tanto altro ancora.
“Il cibo è cultura” è lo “spot” della rassegna, che verrà sviluppato attraverso momenti che uniranno le ricchezze gastronomiche locali con il patrimonio storico, architettonico e paesaggistico unico che Volterra è in grado di offrire. Tante le iniziative in giro per la città, ma quest'anno anche molte le proposte che permetteranno un tuffo in uno dei territori più ricchi e affascinanti di Toscana: la visita guidata alle Saline di Volterra, con sguardo alla “cascata di sale” e assaggio di Birra al Sale; l'appuntamento alla Tartufaia di San Quirico insieme ai tartufai locali e ai loro inseparabili segugi; l'escursione nel bosco di Brignone con degustazione degli “spiriti del bosco”; l'ormai tradizionale passeggiata “di vigna in vigna” tra vigneti e vini locali.
In città si segnalano la visita alla Torre del Maschio della splendida Fortezza Medicea oggi adibita a penitenziario, inclusiva anche degli Orti del Carcere; l'esibizione del gruppo storico, sbandieratori e musici Città di Volterra in Piazza de' Priori; il rinascimento a tavola, affascinante percorso che la Pinacoteca Civica ha voluto dedicare all'arte dei banchetti alla Corte dei Medici; le originali mostre dedicate al tartufo, affiancate da incontri a tema, presso la Kalpa Art Living; e ancora il bookshop tematico “cibo per la mente” presso la storica Libreria de l'Araldo, con imperdibile selezione di libri e pubblicazioni rigorosamente tartufocentriche.
All'interno di Palazzo dei Priori la Sala del Maggior Consilio ospiterà importanti occasioni di incontro e riflessione con le iniziative “La degustazione del vino nell’epoca dei social media”, con Simona Geri (Sommelier AIS e comunicatore social) e Carlotta Salvini (miglior sommelier Fisar 2019), e “Bio e sostenibilità”, talk con Roberto Cipresso Winemaker seguito da degustazione con Sara Cintelli.
Senza dimenticare uno dei momenti più attesi della manifestazione: il Premio Jarro, riconoscimento destinato a chi in ambito professionale si sia distinto nella divulgazione della cultura della buona tavola. A ritirarlo domenica 31 ottobre il giornalista e scrittore Fabio Francione, curatore della nuova edizione de “La Scienza in cucina e l'Arte di mangiar bene” di Pellegrino Artusi (ed. la Nave di Teseo 2020), per l'importante lavoro di promozione e divulgazione dell'opera che può essere considerata il libro fondativo della cucina italiana scritta da un grande Maestro in occasione del bicentenario della sua nascita.
Il programma completo è sul sito della manifestazione.
VolterraGusto è un evento organizzato da Associazione Tartufai dell’Alta Vali Cecina, dal Comune di Volterra, Regione Toscana e la Camera di Commercio Pisa, con la collaborazione de la Fisar – Delegazione storica di Volterra, il Club Unesco Volterra, CNA, l’Ufficio Turistico Comunale, la Pro-Volterra, Slow Food, il Comitato delle Contrade città di Volterra, l'Associazione Vignaioli Volterra, GF GIAN, il Centro Commerciale Naturale, Confcommercio e Confesercenti, altre associazioni cittadine. Grazie al contributo indispensabile della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra. (aise)