GENOVA: IL MAECI AL FESTIVAL DELLA SCIENZA 2019

GENOVA: IL MAECI AL FESTIVAL DELLA SCIENZA 2019

GENOVA\ aise\ - Successo per le iniziative presentate dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale al Festival della Scienza 2019, che si è tenuto di recente a Genova.
Città viventi, batterie del futuro e meraviglie dei microsensori: questi i temi scelti dall’Ufficio IX della Direzione Generale per la promozione del Sistema Paese, che ha curato la partecipazione al Festival nel quadro della sua azione a sostegno della cooperazione scientifica e tecnologica internazionale, coinvolgendo scienziati di fama internazionale, italiani ed esteri.
La prima conferenza MAECI "La città diventa biomimetica. Evoluzione e futuro della smart city" è stata organizzata e moderata da Roberto Pagani, addetto scientifico italiano a Shanghai. Sono intervenuti l’architetto Luciano Pia, Jean-Marc Tulliani e Lorenzo Matteoli del Politecnico di Torino, Zhang Yu dell’Harbin Institute of Technology e due studentesse cinesi, Yanxin Liu della Beijing Geosciences University e Jingyan Xue della Beijing Normal University. Le due studentesse sono attualmente ospiti del gruppo coordinato da Sergio Ulgiati presso l’Università di Napoli Partenope, nell’ambito di un progetto di ricerca bilaterale co-finanziato dal MAECI e dalla National Natural Science Foundation of China (NNSFC).
La seconda conferenza "Batterie Litio-ione, presente e futuro", moderata da Giuditta Perozzi, esperto scientifico del MAECI, ha visto partecipare Silvia Bodoardo del Politecnico di Torino ed Elie Paillard dell’Helmholtz Institute di Muenster, entrambi partner dell’iniziativa europea "Battery 2030+". I relatori hanno guidato il pubblico nel mondo misterioso della chimica, che è alla base della costruzione delle batterie. L’importanza di "rendere il mondo ricaricabile", è stato sottolineato nella conferenza, è testimoniata dalla recente attribuzione del Premio Nobel per la Chimica 2019. L’esposizione dei due scienziati è stata seguita da un intenso dibattito con il pubblico.
Terza iniziativa, nell’area Munizioniere del Palazzo Ducale, il laboratorio "Movimenti alla microscala – Nel mondo dei dispositivi microelettromeccanici", organizzato da Luca Pellegrino del CNR-SPIN di Genova, responsabile scientifico di un progetto di ricerca bilaterale Italia-Giappone, finanziato dal MAECI nell’ambito del Protocollo Esecutivo 2017-19. Al laboratorio, che è rimasto aperto per tutta la durata del festival, hanno partecipato 39 Istituti scolastici, con circa 1.500 studenti. (aise)


Newsletter
Archivi