IL VICE MINISTRO SERENI AI WOMEN’S FORUM MED DIALOGUES 2020

Il vice ministro Sereni ai Women’s Forum Med Dialogues 2020

ROMA\ aise\ - “Dagli interventi ascoltati nel corso di questo Forum, che oggi compie quattro anni, emergono due messaggi davvero importanti: da una parte la necessità di promuovere l’emancipazione economica delle donne nel contesto della pandemia e oltre, dall’altra come accrescere il ruolo femminile nella costruzione della pace”. Lo ha dichiarato il vice ministro agli Affari Esteri Marina Sereni chiudendo ieri i lavori della quarta edizione del Women’s Forum nell’ambito del Med Dialogue 2020.
“Già dall’ottobre 2017”, ha spiegato Sereni, “l’Italia ha lanciato il Mediterranean Women Mediators Network per promuovere in modo significativo la partecipazione delle donne ai processi di pace, ai loro sforzi di mediazione e di peacebuilding in una regione, quella mediterranea, che è essenziale per la pace e la stabilità globali. Sono stati finora raggiunti risultati di cui andare orgogliosi, ma bisogna essere consapevoli che molto resta ancora da fare”.
“Guardiamo però anche ai segnali incoraggianti”, l'invito del vice ministro. “Penso ad esempio all’importante ruolo delle donne yemenite nella promozione della pace nel loro Paese, alla partecipazione delle donne libiche al Political Dialogue Forum e all’istituzione, nel luglio 2019, della Rete delle donne mediatrici della Lega araba. Vorrei ricordare anche la ormai prossima Presidenza italiana del G20. People, Planet and Prosperity sono i tre pilastri che definiranno la nostra agenda, ognuno di questi temi dovranno includere l’empowerment femminile”.
“Le donne possono essere potenti agenti di cambiamento positivo”, ha rivendicato il vice ministro Sereni. “È stata l’immagine iconica di una donna, per esempio, ad attirare gli occhi del mondo sulla rivoluzione del Sudan dello scorso anno: una giovane vestita di bianco, in piedi in cima a un’auto davanti a un gruppo di manifestanti che si sono radunati intorno a lei. Continuiamo a lavorare insieme”, ha concluso, “per i nostri obiettivi comuni”. (aise)


Newsletter
Archivi