LA FARNESINA SUL PRIMO RAPPORTO DEL TEAM DI INVESTIGAZIONE E IDENTIFICAZIONE OPAC SULL'USO DI ARMI CHIMICHE IN SIRIA

LA FARNESINA SUL PRIMO RAPPORTO DEL TEAM DI INVESTIGAZIONE E IDENTIFICAZIONE OPAC SULL

ROMA\ aise\ - “L’Italia apprezza il primo rapporto del Team di Investigazione e Identificazione (IIT) dell’OPAC ed è profondamente preoccupata dalle conclusioni raggiunte in merito all’utilizzo di armi chimiche da parte dell’Aeronautica Militare Siriana”. È quanto si legge in una nota della Farnesina, che “condanna nella maniera più forte possibile ogni uso delle armi chimiche – ancor più contro la popolazione civile – e si augura che gli individui che saranno identificati come responsabili possano essere giudicati per le azioni descritte nel rapporto”.
“L’Italia”, prosegue la nota, “riafferma il proprio sostegno all’attuazione della Convenzione per la Proibizione delle Armi Chimiche ed esorta tutti gli Stati Parte della Convenzione e la Comunità Internazionale, nel senso più ampio, a far sì che ogni violazione della Convenzione riceva adeguata risposta”.
“L’Italia è convinta che il Consiglio Esecutivo dell’OPAC”, che il nostro Paese ha presieduto negli ultimi dodici mesi, “potrà esaminare scrupolosamente l’attuazione della Convenzione alla luce del rapporto dell’IIT non appena possibile e adottare le necessarie, conseguenti misure”.
“L’Italia nuovamente esprime il suo pieno sostegno all’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche e al suo Segretariato Tecnico e”, conclude la nota, “conferma il proprio impegno per la tutela del buon funzionamento, dell’integrità e dell’attendibilità dell’Organizzazione e di tutti i suoi organi”. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi