VOLO ETHIOPIAN AIRLINES: RIENTRATE IN PATRIA LE SPOGLIE DEI CONNAZIONALI MORTI NELL’INCIDENTE DEL MARZO SCORSO

VOLO ETHIOPIAN AIRLINES: RIENTRATE IN PATRIA LE SPOGLIE DEI CONNAZIONALI MORTI NELL’INCIDENTE DEL MARZO SCORSO

ROMA\ aise\ - Sono rientrate in Italia le salme dei connazionali deceduti in Etiopia il 10 marzo nello schianto del volo ET 302 dell’Ethiopian Airlines poco dopo il decollo da Addis Abeba. Ne dà notizia il Ministero degli Affari esteri.
Le operazioni di rientro sono state coordinate dall’Unità di Crisi della Farnesina e dall’Ambasciata d’Italia ad Addis Abeba, - spiega il Maeci – al termine delle complesse operazioni di identificazione delle vittime, alle quali hanno contribuito anche due team di esperti italiani del Servizio di Polizia Scientifica e del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, che si sono recati nei mesi scorsi nella capitale etiope.
Fin dal giorno dell’incidente, l’Unità di Crisi della Farnesina si è tenuta in costante contatto con i familiari delle vittime per fornire assistenza ed assicurare il necessario coordinamento tra le strutture coinvolte.
Il 10 marzo 2019 l’ET 302 dell’Ethiopian Airlines precipitò poco dopo il decollo da Addis Abeba provocando la morte di 157 persone, tra cui 8 italiani. L'aereo chiamato “dei volontari”, era decollato da Addis Abeba per raggiungere Nairobi, in Kenya, dove era in programma una conferenza dell'United Nations Environment. L’aereo caduto era un Boeing 737 Max, che da allora è stato fermato in tutto il mondo. (aise) 

Newsletter
Archivi