Allarme Unicef: niente vaccinazioni per 23 milioni di bambini nel 2020

GINEVRA\ aise\ - Nella Settimana Mondiale delle Vaccinazioni (24-30 aprile), l’UNICEF ha voluto ricordare che, nonostante i successi, un numero allarmante di 23 milioni di bambini non hanno ricevuto le vaccinazioni nel 2020. Questo numero può essere ridotto solo attraverso un maggiore impegno e investimento nei servizi di vaccinazione. L'UNICEF è il principale fornitore mondiale di vaccini ai bambini in oltre 100 paesi. Con Gavi, l'Alleanza per le vaccinazioni, e i partner, l'UNICEF fornisce vaccini per raggiungere il 45% dei bambini del mondo sotto i cinque anni. L'UNICEF lavora anche con i governi di oltre 130 paesi per rafforzare i programmi nazionali di salute e di vaccinazione.
"Gli ultimi due anni ci hanno insegnato che un sistema sanitario che lascia alcuni bambini esposti, è un sistema sanitario che lascia tutti i bambini esposti", ha dichiarato il Direttore Generale dell’UNICEF, Catherine Russell. "Il modo migliore affinché il mondo si riprenda da questa pandemia - e di prepararsi a future emergenze sanitarie - è quello di investire in sistemi sanitari più forti, nelle vaccinazioni e nei servizi sanitari di base per ogni bambino".
La Settimana Mondiale delle Vaccinazioni - che si celebra ogni anno nell'ultima settimana di aprile - è guidata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e riunisce partner globali per promuovere l'uso dei vaccini per proteggere le persone di tutte le età dalle malattie. Il tema di quest'anno è #LongLifeForAll, con l’espressione “long life” (“lunga vita”) che riflette l'importanza delle vaccinazioni nel corso della vita.
Liam Neeson, Goodwill Ambassador dell'UNICEF, sta promuovendo l'iniziativa di vaccinazione globale dell'UNICEF attraverso un messaggio in cui ringrazia gli scienziati, i genitori, gli operatori sanitari e altri attori che sono stati così importanti nel contribuire a vaccinare i bambini negli ultimi due decenni. In un video lanciato in occasione della Settimana Mondiale delle Vaccinazioni, Neeson ricorda come gli sforzi di scienziati come Jonas Salk, che ha sviluppato il primo vaccino contro la poliomielite, e dei lavoratori che riempiono le fiale nelle fabbriche o somministrano le vaccinazioni, abbiano reso possibile salvare due o tre milioni di vite di bambini ogni anno.
"I vaccini sono una straordinaria storia di successo umano. Negli ultimi 75 anni, miliardi di bambini sono stati vaccinati, grazie agli scienziati, agli operatori sanitari, ai volontari. Se sei mai stato vaccinato, o hai vaccinato i tuoi figli, allora fai parte della catena di braccia che tiene al sicuro tutta l'umanità", ha dichiarato Liam Neeson, Goodwill Ambassador dell'UNICEF. "Viviamo le nostre vite senza la preoccupazione di prendere il vaiolo. Una volta era una diagnosi terrificante, ma la polio non è più una minaccia nella maggior parte del mondo. Il dibattito sui vaccini negli ultimi anni ha perso di vista quanto bene abbiano fatto per ognuno di noi. Dobbiamo celebrarlo. È forse uno dei più grandi successi collettivi nella storia dell'umanità".
Ogni like, condivisione o commento sui post che menzionano un account di social media dell'UNICEF e che utilizzano l'hashtag #longlifeforall, da ora fino al 10 maggio, sbloccherà 1 dollaro per l’UNICEF dalla campagna Shot@Life della Fondazione delle Nazioni Unite e dalla Fondazione Bill & Melinda Gates - fino a un totale di 10 milioni di dollari - per contribuire a garantire che tutti i bambini ricevano i vaccini salvavita di cui hanno bisogno. (aise)