Appello UNICEF al G7: dall’inizio dell’anno in 15 paesi un bambino al minuto colpito da malnutrizione acuta grave

© UNICEF/UN0406724/Andrianantenaina

NEW YORK\ aise\ - Mentre i leader mondiali si preparano a riunirsi al vertice del G7, l'UNICEF avverte che quasi 8 milioni di bambini sotto i 5 anni in 15 paesi colpiti da crisi rischiano di morire a causa di malnutrizione acuta grave se non riceveranno immediatamente cibo e cure terapeutiche; e il numero aumenta di minuto in minuto.
Dall'inizio dell'anno, l'aggravarsi della crisi alimentare globale ha indotto ulteriori 260.000 bambini - ovvero un bambino ogni 60 secondi - a soffrire di malnutrizione acuta grave in 15 Paesi che stanno subendo il peso della crisi, tra cui il Corno d'Africa e il Sahel centrale. Questo aumento della malnutrizione acuta grave si aggiunge ai livelli preesistenti di denutrizione infantile. Il mese scorso, l'UNICEF aveva avvertito che si trattava di una "miccia virtuale".
"Ora stiamo vedendo che la miccia dei livelli estremi di malnutrizione acuta fra i bambini si è innescata", ha dichiarato il direttore generale dell'UNICEF, Catherine Russell. "Gli aiuti alimentari sono fondamentali, ma non possiamo salvare i bambini che soffrono la fame con sacchi di grano. Dobbiamo raggiungere questi bambini immediatamente, tramite trattamenti terapeutici prima che sia troppo tardi".
L'impennata dei prezzi dei generi alimentari causata dalla guerra in Ucraina, la persistente siccità dovuta ai cambiamenti climatici in alcuni Paesi, a volte combinata con il conflitto, e il persistente impatto economico del COVID-19 continuano ad aumentare l'insicurezza alimentare e nutrizionale dei bambini in tutto il mondo, causando livelli catastrofici di malnutrizione grave nei bambini sotto i 5 anni. In risposta, l'UNICEF sta intensificando i suoi sforzi nei 15 Paesi più colpiti: Afghanistan, Burkina Faso, Ciad, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Haiti, Kenya, Madagascar, Mali, Niger, Nigeria, Somalia, Sud Sudan, Sudan e Yemen saranno inclusi in un piano di accelerazione per contribuire a scongiurare un'escalation di morti tra i bambini e mitigare i danni a lungo termine della malnutrizione acuta grave.
La malnutrizione acuta grave, che corrisponde a bambini troppo magri per la loro altezza, è la forma più visibile e letale di denutrizione. Un sistema immunitario indebolito aumenta il rischio di morte tra i bambini sotto i 5 anni anche di 11 volte rispetto ai bambini ben nutriti.
Nei suddetti 15 Paesi, l'UNICEF stima che almeno 40 milioni di bambini siano gravemente insicuri dal punto di vista nutrizionale, il che significa che non ricevono la dieta minima diversificata di cui hanno bisogno per crescere e svilupparsi nella prima infanzia. Inoltre, 21 milioni di bambini sono gravemente insicuri dal punto di vista alimentare, il che significa che non hanno accesso a una quantità di cibo sufficiente a soddisfare il fabbisogno alimentare minimo, il che li espone a un rischio elevato di malnutrizione acuta grave.
Nel frattempo, il prezzo degli alimenti terapeutici pronti all'uso per il trattamento di forme di malnutrizione acuta grave è salito del 16% nelle ultime settimane a causa di un forte aumento del costo degli ingredienti primari, lasciando fino a ulteriori 600.000 bambini senza accesso alle cure salvavita e a rischio di morte.
Mentre i leader si preparano a riunirsi al vertice del G7, l'UNICEF lancia un appello per 1,2 miliardi di dollari statunitensi per fornire un pacchetto essenziale di servizi e cure nutrizionali per evitare quelli che potrebbero essere milioni di decessi tra i bambini nei 15 Paesi a più alto rischio, compresi programmi di prevenzione per proteggere la nutrizione materna e dei bambini per le donne in stato di gravidanza e i bambini piccoli, programmi di individuazione precoce e di trattamento per i bambini colpiti da malnutrizione acuta grave, nonché l'approvvigionamento e la distribuzione di alimenti terapeutici pronti all'uso.
L’UNICEF chiede inoltre di dare priorità alla prevenzione e al trattamento della malnutrizione acuta grave in tutti i piani di risposta alle crisi alimentari globali, assicurando che gli stanziamenti di bilancio includano interventi nutrizionali preventivi e alimenti terapeutici per rispondere alle esigenze immediate dei bambini colpiti da malnutrizione acuta grave.
"È difficile descrivere cosa significhi per un bambino essere colpito da malnutrizione acuta grave, ma quando si incontra un bambino che soffre di questa forma più letale di malnutrizione, lo si capisce e non lo si dimentica mai", ha affermato Russell. "I leader mondiali riuniti in Germania per la riunione ministeriale del G7 hanno una piccola finestra di opportunità per agire e salvare le vite di questi bambini. Non c'è tempo da perdere. Aspettare che venga dichiarata la carestia significa aspettare che i bambini muoiano", ha concluso. (aise)