Impennata di casi di Covid-19 in Libia: l’allarme dell’Unicef

GINEVRA\ aise\ - Nelle ultime 2 settimane, la Libia, dove i contagi hanno raggiunto il loro picco, sta assistendo a un'allarmante impennata di casi di COVID-19. Il Centro nazionale per il controllo delle malattie ha registrato 6.061 nuovi casi di COVID il 18 luglio, il più alto tasso giornaliero dall'inizio della pandemia.
La Libia ha superato i 221.495 nuovi casi di COVID-19 dall'inizio della pandemia, poiché la variante Delta, altamente contagiosa, persiste nei paesi vicini e molto probabilmente anche in Libia. Il virus si sta diffondendo rapidamente in tutto il Paese con un aumento del 270% dei casi di COVID-19 nell'ovest, del 480% nel sud e del 50% nell'est del paese. Questi dati sono già abbastanza spaventosi, ma è probabile che il numero effettivo di casi sia molto più alto a causa dell’estrema carenza di test e di laboratori.
“Siamo allarmati dalla rapida diffusione del virus nel paese - ha dichiarato AbdulKadir Musse, Rappresentante Speciale dell'UNICEF in Libia -. Il tasso di vaccinazione è molto basso, e la diffusione è rapida. Dobbiamo essere più veloci nella nostra risposta. La cosa più importante che possiamo fare per fermare la diffusione del COVID-19, e delle varianti, è garantire che tutti coloro che sono idonei vengano vaccinati. I paesi con un'alta copertura di due dosi di vaccini sono stati in grado di ridurre drasticamente il tasso di ospedalizzazione e le morti. È necessario anche seguire e rispettare le misure di prevenzione”, ha aggiunto.
Già sconvolto da anni di instabilità, il sistema sanitario libico è ulteriormente messo alla prova dagli alti tassi di trasmissione nelle comunità e sta lottando per frenare la rapida diffusione e per rispondere ai bisogni della popolazione.
L'UNICEF sta sostenendo le autorità e sta incrementando la risposta al COVID-19, anche sostenendo il lancio della vaccinazione nazionale contro il COVID-19 e la Comunicazione sui rischi e il coinvolgimento delle comunità. L'UNICEF continua a fornire supporto per la consegna e l'utilizzo sicuro dei vaccini contro il COVID-19 in Libia. Finora, l'UNICEF ha consegnato tre lotti di vaccino contro il COVID-19 attraverso la COVAX Facility. I vaccini vengono distribuiti ai centri di vaccinazione in tutto il paese in coordinamento con le autorità sanitarie nazionali in Libia.
L'UNICEF sta lavorando a stretto contatto con l'OMS e i partner per diffondere la consapevolezza sulle principali misure di prevenzione, promuovere la richiesta di vaccini e affrontare le voci e la disinformazione sui vaccini. Inoltre, è in corso lo sviluppo delle capacità della catena del freddo per assicurare la qualità e l'efficacia dei vaccini.
“Alla vigilia della festa di Eid Al-Adha, l'UNICEF augura a tutti i bambini in Libia e alle loro famiglie un Eid sicuro e sano. Affinché l'Eid sia sicuro, invitiamo caldamente tutte le persone in Libia a indossare mascherine, mantenere il distanziamento sociale, lavarsi spesso le mani e vaccinarsi”, ha dichiarato AbdulKadir Musse, rappresentante speciale dell'UNICEF in Libia. (aise)