Ucraina: nel paese una crisi di protezione dell'infanzia di proporzioni enormi

GINEVRA\ aise\ - “La situazione in Ucraina è una crisi di protezione dell'infanzia di proporzioni enormi, forse mai viste prima. Due mesi di guerra in Ucraina hanno portato a 7,7 milioni di persone sfollate all'interno del paese e hanno spinto più di 5,5 milioni di persone attraverso i confini internazionali, compresi quasi i due terzi di tutti i bambini in Ucraina. Centinaia di bambini sono stati uccisi e molti altri sono stati feriti. Sono stati segnalati quasi 200 attacchi contro strutture sanitarie, e le scuole continuano ad essere colpite da attacchi”. A parlarne è il Consulente regionale dell'UNICEF per la protezione dei bambini in Europa e Asia centrale, Aaron Greenberg, alla conferenza stampa di oggi al Palazzo delle Nazioni a Ginevra.
“Mentre il governo dell'Ucraina e i partner umanitari continuano a lavorare per proteggere i bambini più vulnerabili, i bisogni sono enormi. L'Ucraina aveva il più alto numero di bambini in affidamento a istituti in tutta Europa prima della guerra - oltre 90.000 che vivevano in istituti, orfanotrofi, collegi e altre strutture di assistenza. Quasi la metà di loro sono bambini con disabilità - ha aggiunto ancora Greenberg -. L'impatto della guerra su questi bambini è stato particolarmente devastante. Decine di migliaia di bambini che vivevano in istituti o in affido sono ritornati con le famiglie, molti di loro frettolosamente, quando la guerra è iniziata. Molti non hanno ricevuto le cure e la protezione di cui hanno bisogno, specialmente i bambini disabili. La guerra ha avuto un impatto sul benessere psicosociale di tutti i bambini. Tutti. I bambini sono stati sradicati dalle loro case, separati da chi se ne prendeva cura e direttamente esposti alla guerra. I bambini sono stati scossi dalle esplosioni delle bombe e dal suono delle sirene dei sistemi di allarme missilistici. Quasi tutti i bambini stanno affrontando l'assenza dei loro padri, dei loro fratelli maggiori o degli zii, poiché quasi tutti gli uomini tra i 18 e i 60 anni sono stati mobilitati per i combattimenti. E, soprattutto, molti bambini sono stati testimoni o hanno subito violenze fisiche e sessuali”.
“Ma i bambini sono resistenti - ha evidenziato di nuovo il Consulente UNICEF -. L'esperienza pluridecennale dell'UNICEF, che lavora con i bambini colpiti dai conflitti armati, ha dimostrato chiaramente che un gran numero di bambini colpiti si riprenderà se tornerà a scuola, rimarrà in contatto con la famiglia e i propri cari e ritroverà una certa normalità nella propria vita. Una parte di loro avrà bisogno di un sostegno psicologico più intenso. E un numero più piccolo, ma importante, presenterà sintomi di disturbo da stress post-traumatico di solito dopo 2-4 mesi dalla loro esperienza. Questo gruppo avrà bisogno di un supporto intensivo da parte di un gruppo di professionisti dedicati. La forza lavoro in Ucraina - assistenti sociali, psicologi infantili e altri professionisti - è ugualmente colpita da questo conflitto. E il paese ha bisogno di loro ora - forse più che mai. Mantenere la forza lavoro e sostenerla affinché rimanga a lavorare è più importante che mai. Dobbiamo essere solidali con la spina dorsale della forza lavoro dei servizi sociali dell'Ucraina. Siamo a Leopoli e stiamo esaminando le opzioni per quello che sarà un significativo incremento del sostegno attraverso i sistemi governativi esistenti per sostenere questa forza lavoro. L'UNICEF sta lavorando a pieno ritmo, sostenendo il governo, coordinando i partner per la protezione dell'infanzia e aumentando gli investimenti nelle ONG locali e nei servizi governativi”.
“Dal 24 febbraio, l'UNICEF e i partner hanno raggiunto oltre 140.000 bambini e le persone che se ne prendono cura con servizi per la salute mentale e psicosociali, la maggior parte dei quali sono incontri diretti con bambini e psicologi qualificati - ha proseguito Greenberg avviandosi alla conclusione -. Più di 34.000 bambini hanno beneficiato di servizi specializzati attraverso la gestione dei casi di servizi sociali e il rinvio ai servizi di supporto, grazie al lavoro di team mobili di assistenti sociali, psicologi infantili, infermieri e avvocati. Ora abbiamo 56 unità mobili operative in tutto il paese, incluse 12 nell'Est. Oltre 7.000 donne e bambini sono stati raggiunti da servizi di prevenzione della violenza, mitigazione del rischio e risposta alla violenza, compresa la violenza di genere, anche nelle aree orientali del paese. Ma non è abbastanza. Anche se stiamo lavorando senza sosta, penso che dovremmo essere preparati con servizi maggiormente specializzati per i bambini sopravvissuti alla violenza fisica e sessuale. E i bambini con disabilità, che hanno sofferto in misura sproporzionata a causa di questa guerra, devono ricevere un supporto urgente. Il governo, l'UNICEF e i partner stanno aumentando i servizi per questi bambini”. (aise)