MATTARELLA INCONTRA GLI ITALIANI IN GERMANIA

MATTARELLA INCONTRA GLI ITALIANI IN GERMANIA

BERLINO\ aise\ - “È un grande piacere incontrarvi. Il rapporto tra Germania e Italia è assicurato in massima misura dalla vostra presenza qui”. Così il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che, nell’ambito della visita ufficiale in Germania, questa mattina - accompagnato dal Ministro degli Esteri Moavero Milanesi - ha incontrato in Ambasciata i rappresentanti della collettività italiana. Tra loro le parlamentari elette in Europa e residenti in Germania, Garavini e Schirò, i presidenti di tutti i Comites di Germania e i consiglieri del Cgie.
Tra i due Paesi, ha aggiunto, c’è “un rapporto di amicizia” ma anche “collaborazione e legami di ogni genere: politico, economico e culturale; un legame che, certo, si compone sotto la guida dell’Ambasciata, della rete consolare e della rappresentanza istituzionale, ma che ha in voi gli interpreti più vissuti e autentici”, persone “attive nel tessuto civile di questo paese”.
“È un piacere per me salutare qui gli eletti all’estero, i Comites e i consiglieri del Cgie, coloro che operano nei più diversi settori, dall’università all’impresa, e in tanti nella cultura e nell’arte. È impossibile enumerare tutti i profili dei nostri concittadini presenti in Germania quanto al tipo di attività e di impegno, perché – ha ricordato il Presidente – non c’è settore della vita sociale e civile che non veda qui presenze italiane. E questo attesta il legame, storico e profondo, che lega i nostri due Paesi”.
“La nostra amicizia è molto grande e questo è anche frutto della vostra presenza: il rapporto tra Paesi – lo dico sempre perché ne sono convinto e lo constato ogni volta – sono affidati alle istituzioni politiche, ma hanno sostanza e si affermano in maniera duratura, profonda e avvertita concretamente dalla presenza delle rispettive collettività”, ha rimarcato il Capo dello Stato. “La vostra è quella con cui, qui in Germania, i tedeschi vedono e comprendono l’Italia, e se il rapporto tra i nostri Paesi è così alto e profondo, evidentemente il vostro contributo è avvertito come prezioso e importante”.
“Voi svolgete non soltanto un’attività personale nei vari settori, ma anche un impegno di rappresentanza del nostro Paese, di legame e di avamposto dell’amicizia tra Germania e Italia. Vi sono molto grato e – ha concluso – vi ringrazio a nome della Repubblica. Grazie per quello che fate”. (aise) 

Newsletter
Archivi