NEXT GENERATION EU: IL MOMENTO DELL'EUROPA

NEXT GENERATION EU: IL MOMENTO DELL

BRUXELLES\ aise\ - “Generazioni prima di noi hanno costruito un'Unione di pace e prosperità, senza pari o eguali in nessun’altra parte del mondo. Questo è il nostro momento decisivo. Con NextGenerationEU possiamo costruire un futuro verde, digitale e resiliente per la nostra Unione”. Si chiama Next Generation EU il nuovo strumento di ripresa - integrato al bilancio dell'UE a lungo termine – che la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha presentato oggi al Parlamento europeo. Obiettivo, far uscire l’Europa dalla crisi prodotta dal coronavirus.
Sul piatto, con Next Generation Eu, 750 miliardi di euro, per un bilancio 2021-2027 da 1,85 trilioni di euro in totale. All’Italia sarebbero destinati 172,7 miliardi di euro, 81,807 miliardi versati come aiuti e 90,938 miliardi come prestiti. Una montagna di soldi che il Governo guidato da Giuseppe Conte investirà nella modernizzazione del Paese secondo un piano in sette punti che il Premier ha elencato in una lettera inviata al Corriere della Sera.
"Il piano di ripresa trasforma l'immensa sfida che affrontiamo in un'opportunità, non solo sostenendo la ripresa ma anche investendo nel nostro futuro: il Green Deal europeo e la digitalizzazione favoriranno l'occupazione e la crescita, la resilienza delle nostre società e la salute dell’ambiente”, ha detto von der Leyen. “Questo è il momento dell'Europa. La nostra volontà di agire deve essere all'altezza delle sfide che tutti noi affrontiamo. Con Next Generation EU stiamo fornendo una risposta ambiziosa".
Il bilancio europeo, ha commentato Johannes Hahn, responsabile del bilancio dell'UE, “è al centro del piano di ripresa dell'Europa. La potenza di fuoco aggiuntiva di Next Generation EU e il rafforzato quadro finanziario pluriennale ci metteranno in condizione di essere solidali per sostenere gli Stati membri e l'economia. Insieme, l'Europa risorgerà più competitiva, resiliente e sovrana".
INVESTIRE PER LA PROSSIMA GENERAZIONE - LA SCHEDA DELLA COMMISSIONE
A complemento degli sforzi nazionali, il bilancio dell'UE si trova in una posizione unica per alimentare un'equa ripresa socioeconomica, riparare e rivitalizzare il mercato unico, garantire condizioni di parità e sostenere gli investimenti urgenti, in particolare nelle transizioni verde e digitale, che sono la chiave per la prosperità e la resilienza future dell'Europa.
Next Generation UE raccoglierà fondi alzando temporaneamente il massimale delle risorse proprie al 2,00% del reddito nazionale lordo dell'UE, consentendo alla Commissione di utilizzare il suo solido rating creditizio per prendere in prestito 750 miliardi di euro sui mercati finanziari. Questo finanziamento aggiuntivo verrà “incanalato” attraverso i programmi dell'UE e dovrà essere rimborsato in un lungo periodo di tempo attraverso i futuri bilanci dell'UE, non prima del 2028 e non dopo il 2058. Per contribuire a farlo in modo equo e condiviso, la Commissione propone una serie di nuove risorse proprie. Inoltre, al fine di rendere disponibili fondi quanto prima per rispondere alle esigenze più urgenti, la Commissione propone di modificare l'attuale quadro finanziario pluriennale 2014-2020 per rendere disponibili ulteriori finanziamenti per 11,5 miliardi di euro già nel 2020.
I fondi raccolti per Next Generation EU saranno investiti su tre pilastri.
1. SOSTEGNO AGLI STATI MEMBRI CON INVESTIMENTI E RIFORME:
Un nuovo strumento per il recupero e la resilienza di 560 miliardi di euro offrirà sostegno finanziario per investimenti e riforme, anche in relazione alle transizioni verdi e digitali e alla resilienza delle economie nazionali, collegandole alle priorità dell'UE. Questa struttura sarà integrata nel semestre europeo. Sarà dotata di una struttura di sovvenzione fino a € 310 miliardi e sarà in grado di rendere disponibili fino a € 250 miliardi in prestiti. Il sostegno sarà disponibile per tutti gli Stati membri ma si concentrerà sui più colpiti e laddove le esigenze di resilienza sono maggiori.
Un supplemento di 55 miliardi di euro degli attuali programmi della politica di coesione, tra oggi e il 2022, nell'ambito della nuova iniziativa REACT-UE saranno assegnati in base alla gravità degli impatti socioeconomici della crisi, compreso il livello di disoccupazione giovanile e relativa prosperità degli Stati membri.
Una proposta per rafforzare il Fondo di transizione prevede fino a 40 miliardi di euro per aiutare gli Stati membri ad accelerare la transizione verso la neutralità climatica.
Si prevede poi un rafforzamento di 15 miliardi di euro per il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale per sostenere le aree rurali nel rendere i necessari cambiamenti strutturali in linea con il Green Deal europeo e raggiungere gli ambiziosi obiettivi in linea con con le nuove strategie sulla biodiversità “Farm to Fork”.
2. AVVIARE L'ECONOMIA DELL'UE INCENTIVANDO GLI INVESTIMENTI PRIVATI:
Un nuovo strumento di sostegno alla solvibilità mobiliterà risorse private per sostenere con urgenza aziende europee nei settori più vitali, nelle regioni e nei paesi maggiormente colpiti. Può essere operativo dal 2020 e avrà un budget di 31 miliardi di euro, con l'obiettivo di sbloccare 300 miliardi di euro di sostegno alla solvibilità per le aziende di tutti i settori economici e prepararli per un futuro più pulito, digitale e resiliente.
InvestEU, il programma di investimento di punta dell'Europa, viene aggiornato a un livello di 15,3 miliardi di euro per mobilitare investimenti privati in progetti in tutta l'Unione.
Si prevede, poi, un nuovo strumento di investimento strategico integrato in InvestEU per generare investimenti fino a 150 miliardi di euro per rafforzare la resilienza dei settori strategici, in particolare quelli legati alla transizione verde e digitale e le principali catene del valore nel mercato interno, grazie al contributo di € 15 miliardi da Next Generation EU.
3. AFFRONTARE LE LEZIONI DELLA CRISI:
Un nuovo programma sanitario, EU4Health, per rafforzare la sicurezza sanitaria e prepararsi per future crisi sanitarie con un budget di 9,4 miliardi di euro.
Un rafforzamento di 2 miliardi di euro di rescEU, il meccanismo di protezione civile dell'Unione, che sarà ampliato e rafforzato per preparare l'Unione a prepararsi e rispondere alle crisi future.
Un importo di 94,4 miliardi di euro per Orizzonte Europa, che sarà rafforzato per finanziare la ricerca, vitale in materia di salute, resilienza e transizioni verdi e digitali.
Sostegno ai partner globali dell'Europa attraverso ulteriori 16,5 miliardi di euro per azioni esterne, compresi gli aiuti umanitari.
Altri programmi dell'UE saranno rafforzati per allineare pienamente il futuro quadro finanziario alle esigenze di ripresa e alle priorità strategiche. Altri strumenti saranno rafforzati per rendere il bilancio dell'UE più flessibile e reattivo. (aise) 

Newsletter
Archivi