Grafica d’autore – opere scelte: online la XX edizione della mostra della Gamec di Pisa

PISA\ aise\ - Vista la chiusura dovuta alle limitazioni imposte dal Covid 19, la mostra "Grafica d'Autore : Opere scelte" curata da Massimiliano Sbrana continuerà online e sarà quindi visitabile "virtualmente" dal pubblico anche in questo periodo.
allestita nella sede del GAMeC - CentroArteModerna Pisa - Lungarno Mediceo, 26 - in collaborazione con "Archivio d'Arte", questa rassegna collettiva propone non solo grafica d'arte ma anche opere uniche su carta come disegni, matite, carboncini, sanguigne, acquarelli, olii, pastelli, tempere, tecniche miste, monotipo.
Per "Grafica d’Arte" si intende, infatti, una produzione artistica a mezzo di stampa, riprodotta in più copie firmate e numerate dall’autore che ne ha ideato il soggetto ed elaborato la matrice. Pur essendo sempre esistita una produzione grafica di ordine artistico che fosse ”d’invenzione” (l’artista è insieme ideatore ed esecutore del soggetto grafico) o ”di traduzione” (l’artista stampatore traduce in linguaggio grafico il soggetto di un altro), la definizione di “grafica d’arte”, nel senso odierno si è venuta formando nel 19° secolo sotto la spinta delle condizioni create dall’impiego diffuso di nuove tecniche di produzione grafica che si aggiungevano alla classica incisione: prima di tutto la litografia (inizio del secolo 19°), a cui, più tardi si è aggiunta la serigrafia (anni Trenta del 20° secolo) che, permettendo la resa di valori cromatico-tonali, maggiore spontaneità gestuale nella lavorazione delle matrici e tirature a qualità più uniforme, ampliò i campi di utilizzazione e aprì la via al gusto di una nuova grafica, simile per leggerezza e spontaneità al disegno, ma anche colorata e decorativa, di carattere pittorico.
Il termine della definizione di grafica d’arte è accettabile e giustificata se riferito alle tecniche che prevedono l’elaborazione della matrice da parte dell’artista, ma non può esserlo per le tecniche meccanizzate e si rendono quindi necessarie delle precisazioni per stabilirne i limiti e il significato nei vari casi.
Tra gli artisti in mostra Giuseppe Molea, Mimmo Corrado, Michela Marinai, Germana Salvini, Stefano Ballantini, Alberto Berti, Alfredo Fabbri, Piero Bresciani, David Giroldini, Renzo Sbolci, Enza Viceconte, Luca Siri, Daniele Cerù, Franco Banti, Lisandro Ramacciotti, Gianpaolo Territo, Joanna Brzesciska, Paolo Buzi, Giancarlo Tognoni, Mara Lombardi Carmassi, Viacheslav Shmagin, Daniel Schinasi, Pietro Annigoni, Franco Azzinari, Cesare Borsacchi, Antonio Bueno, Piero Bresciani, Renato Guttuso, Renzo Bussotti, Gianni Dova, Mario Schifano, Roberto Fontirossi, Giuseppe Cantatore, Michele Cascella, Enzo Faraoni, Gino Bonfanti, Giuseppe Viviani, Paolo Lapi, Alessandro Volpi, Antonio Possenti, Mario Tozzi, Tono Zancanaro, Ugo Nespolo, Renzo Vespignani, Marco Dolfi, Guerino Bardeggia, Rita de Luca, Alberto Martini, Adolfo Colombini, Dolfo, Vanni Viviani, Franco Gentilini e molti altri. (aise)