DISTANZE RAVVICINATE: AL LUXART DI ROMA LA MOSTRA COLLETTIVA DI DUE ARTISTE BULGARE

DISTANZE RAVVICINATE: AL LUXART DI ROMA LA MOSTRA COLLETTIVA DI DUE ARTISTE BULGARE

ROMA\ aise\ - Due mondi e due modi di esprimersi completamente opposti. Due cifre stilistiche molto distanti tra loro quelle messe a confronto a Roma nella mostra collettiva intitolata “Distanze ravvicinate”, di Albena Chteniovsa-Egloff e Raina Stoimirova, a cura di Anna Amendolagine con il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica di Bulgaria in Italia, inaugurata ieri, 23 novembre, e aperta al pubblico fino al 12 dicembre presso la LuxArt Gallery.
La mostra vede esposte più di trenta opere di medie e piccole dimensioni, eseguite con tecnica acrilico su tela e collage, delle due artiste appartenenti alla nuova scuola di pittura della Bulgaria, laureate entrambe all’Accademia di Belle Arti Jules Pascin di Sofia, nella classe del professor Nikolay Maistorov.
Nel suo testo critico la curatrice della mostra, Anna Amendolagine, spiega che “Albena Chteniovsa-Egloff lavora per sottrazione, Raina Stoimirova per addizione. La prima invita all’introversione, la seconda esorta all’estroversione. Mentre la prima evoca un mondo liquido, la seconda opta per lo stato gassoso. Se la prima conduce alla meditazione e alla contemplazione interiore, la seconda induce all’attività energica. Laddove per una regna il silenzio assoluto, per l’altra il chiasso è una componente fondamentale. Quando una favorisce la solitudine, l’altra chiama la moltitudine”.
Raina Damiani scrive a proposito di Albena Chteniovsa-Egloff: “L’artista lascia sul foglio, sul cartone o sulla tela i riflessi non solo del mondo circostante, ma anche i riflessi di domande profonde e di questioni spirituali. Questa sensibilità particolare dell'artista la rende un filosofo dei suoi tempi, il quale crea la propria filosofia del tempo. I mezzi espressivi, le trame e le composizioni di Albena Chteniovska sono, nella maggior parte dei casi, esempi di arte astratta con un'estetica e una sottigliezza altamente individuali”.
E a proposito di Raina Stoimirova dice: “Le tele di Raina sono sature di espressione, di emozioni e sensazioni. Il lavoro con i tessuti ha anche arricchito la sua esperienza di pittrice. Il suo colore e la sua tecnica specifici la distinguono ed è sempre riconoscibile. Il colore nei dipinti di Raina non è fine a se stesso: è una delle principali forze trainanti e un mezzo di espressione che è un marchio del suo talento. I suoi gesti scenici sono inerenti agli artisti naturali, emotivi, sensibili e liberi che non schiavizzano tendenze, gusti e limiti della moda...”.
Albena Chteniovska-Egloff è nata nel 1968, ha la cittadinanza bulgara e francese, e vive a Sofia. Laureata alla “Jules Pascin”, Accademia di Belle Arti di Sofia, nel 1996. Membro dell'Unione degli artisti bulgari dal 1997. Dal 1992, inizia la sua partecipazione a mostre collettive e personali, nazionali e internazionali in Bulgaria, Germania, Austria, Belgio, Slovacchia, Ungheria e Francia. Le sue opere sono proprietà di collezionisti privati e gallerie in Bulgaria, Francia, Svizzera, Germania, Austria, Ungheria, Slovacchia, Italia, Regno Unito, Danimarca, Paesi Bassi, Belgio e USA.
Raina Stoimirova è nata, invece, il 17 luglio 1971 a Sofia, in Bulgaria. Nel 1990 ottiene il diploma del Liceo tecnico di Tessuti e Moda a Sofia, specializzandosi in Art Design - disegno della stampa del tessuto. Nel 1996 si laurea anche lei all'Accademia d'arte privata “Jules Pascin” a Sofia con la specializzazione di Pittura, master class di Iva Vladimirova e Nikolay Maystorov. Dal 2010 è membro dell'Unione degli artisti bulgari. Il suo percorso espositivo comincia nel 1996 con mostre collettive e personali a livello nazionale e internazionale in Bulgaria, Kazakistan e Turchia. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi