“APRÈS LE DÉLUGE”: UN NUOVO VIAGGIO ON LINE FRA OPERE RIEMERSE E MISCONOSCIUTE

TIVOLI\ nflash\ - L’Istituto Villa Adriana e Villa d’Este – Villae raccoglie la sfida posta dall’emergenza sanitaria: inventare nuove modalità di narrazione e fruizione del patrimonio culturale per continuare a renderlo disponibile alla collettività. Per questo i social delle Villae, a partire da oggi, 31 marzo, intraprendono con il pubblico un percorso immaginario e quotidiano tra le opere riemerse e misconosciute della mostra “Après le deluge”, curata dal direttore Andrea Bruciati, in collaborazione con Benedetta Adembri e Micaela Angle e inaugurata il 10 febbraio presso il Santuario di Ercole Vincitore e Villa d’Este. Il progetto, grazie al paziente lavoro degli archeologi dell’Istituto, presenta un significativo nucleo di beni archeologici sottratti clandestinamente dal territorio italiano e recuperati dal Comando Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale. A corredo dei reperti sono presentate anche opere su tela e supporto fotografico, provenienti da collezioni private: si tratta di capolavori che hanno come tratto comune un'iconografia rispondente all’idea di paesaggio in età moderna e contemporanea, dalle profonde affinità con la storia delle Villae. La mostra e la campagna social hanno il medesimo fine di restituire al pubblico opere “irraggiungibili”.(nflash)

Newsletter
Archivi