"BITALK": A BITONTO SI RIFLETTE SULL’ITALIA "DAL SESSANTOTTO AGLI ANNI DI PIOMBO"

BITONTO\ nflash\ - Cinque giorni tra teatro, cinema, musica, arte e letteratura per raccontare, commentare e riflettere su un periodo storico cruciale della storia del nostro Paese. È Bitalk, il festival "diffuso" che torna per la sua terza edizione da domani, mercoledì 30 ottobre, e fino al 3 novembre tra i più bei luoghi del centro storico di Bitonto (Bari). Il programma di eventi, per la maggior parte gratuiti, è dedicato quest’anno al tema "Dal ’68 agli anni di piombo". Dalla contestazione studentesca allo sbarco sulla luna, dalla nascita del movimento femminista al dilagare della musica rock, dal culto di Che Guevara fino alla pop art consacrata dal genio di Andy Warhol, il decennio dal 1968 al 1978, rappresenta un’ondata rivoluzionaria e creativa che anche in Italia segna un cambiamento politico e sociale senza precedenti. Gherardo Colombo, Vittorio Sgarbi, Pupi Avati, Omar Pedrini, Alessio Boni, Vauro Senesi, Giuliano Turone, Raf, Gianni Ciardo, Antonio Stornaiolo, Gabriella Labate, Cosimo Damiano Damato, Vladimiro Satta sono soltanto alcuni dei protagonisti del mondo dell’editoria, del cinema e della musica, invitati a riflettere, da angolazioni diverse, sul modo in cui l’espressione artistica e culturale è stata influenzata dai grandi cambiamenti sociali dell’Italia di quegli anni. (nflash) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi