CAOS BIELORUSSIA/LUKASHENKO SI PROCLAMA VINCITORE TRA SCONTRI E DISORDINI: UE PRONTA A RISPONDERE - DI EMANUELE BONINI

BRUXELLES\ nflash\ - “Come da copione. O quasi. Un presidente uscente dato per vincitore che vince, ma tra accuse di brogli e proteste di piazza che si tramutano in scontri. La Bielorussia che esce dalle elezioni presidenziali è quella di un Paese lontano dall’essere stabile e democraticamente credibile, con l’Unione europea che adesso inizia a riconsiderare le relazioni con Minsk. Secondo la Commissione elettorale centrale, il presidente uscente Alexandre Lukashenko ha vinto di nuovo con l’80,23%, mentre la sua principale avversaria, Svetlana Tikhanovskaya porterebbe a casa il 9,9%. La candidata indipendente però non riconosce l’esito del voto. “Credo ai miei occhi, la maggioranza è con me”, sostiene Tikhanovskaya. “Il potere deve pensare a come cederci il potere. Mi considero il vincitore di queste elezioni”, dice in quella che è una pubblica denuncia di brogli in piena regola”. Ne scrive oggi, nel day after delle elezioni bielorusse, Emanuele Bonini, che firma questo articolo per “Eunews”, quotidiano online diretto a Bruxelles da Lorenzo Robustelli. (nflash) 

Newsletter
Archivi