CODICE DI BUONE PRATICHE CONTRO LA DISINFORMAZIONE: LA COMMISSIONE UE BOCCIA LE PIATTAFORME ONLINE

BRUXELLES\ nflash\ - “Progressi insufficienti”. Lapidario il giudizio della Commissione europea alle relazioni presentate da Facebook, Google e Twitter sui progressi compiuti nel gennaio 2019 riguardo ai loro impegni in materia di lotta contro la disinformazione. Le tre piattaforme online sono firmatarie del codice di buone pratiche contro la disinformazione e sono state invitate a riferire mensilmente sulle loro azioni in vista delle elezioni del Parlamento europeo del maggio 2019. Più specificamente, la Commissione ha chiesto di trasmetterle informazioni dettagliate per monitorare i progressi compiuti in merito al vaglio delle inserzioni pubblicitarie, alla trasparenza dei messaggi pubblicitari di natura politica, alla chiusura dei profili falsi e per quanto riguarda i sistemi di marcatura dei bot. (nflash) 

Newsletter
Archivi