CORONAVIRUS: LA TECNOLOGIA MADE IN ITALY SANIFICA LE AZIENDE IN CINA

PADOVA\ nflash\ - Nei giorni scorsi è giunta la notizia che l'azienda italiana IDROBASE ha potuto riaprire la sua unità produttiva in Cina, a Ningbo, dopo alcuni giorni di chiusura per precauzione, a causa del diffondersi del Coronavirus. Lo stabilimento nell’Estremo Oriente, con 30 dipendenti cinesi, ha riaperto grazie ad una innovazione italiana (validata dall'Istituto Zooprofilattico delle Venezie) che, applicando la tecnologia “state-of-the-art” utilizzata nelle stazioni aerospaziali statunitensi della NASA, ha creato un’unità di sanificazione di superfici, capace di eliminare virus presenti nell’ambiente. Il merito di questa applicazione scientifica è dell’azienda padovana PUREAIRION, che grazie alla ricerca, prendendo spunto dal fenomeno naturale della fotolisi, è riuscita a sviluppare un generatore di elettroni per la sanificazione delle superfici e degli ambienti, capace in poche ore di eliminare il 95% dei batteri, muffe e virus, denominato SHU (acronimo di Sanitari Habitat Unit). Il prodotto è venduto oramai su diversi mercati internazionali, tra cui la Cina e il Medio Oriente. (nflash) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi