L’ITALIA SALUTA L’AMBASCIATORE ATTANASIO E IL CARABINIERE IACOVACCI

ROMA\ nflash\ - Un picchetto d’onore e le più alte cariche dello Stato, tra cui tanti suoi “amici”, hanno accolto questa mattina nella Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri a Roma la bara dell’ambasciatore Luca Attanasio e, insieme ad essa, quella del carabiniere Vittorio Iacovacci, uccisi in un agguato in Congo. A portare a spalla i feretri all’interno della chiesa, dove sono stati salutati da un lungo applauso, i compagni di Iacovacci, i carabinieri 13° Reggimento “Friuli Venezia Giulia”. Il personale diplomatico del ministero degli Affari Esteri, che non ha potuto partecipare alla funzione nella Basilica per il contingentamento causato dal Covid, ha voluto onorare il collega Attanasio e il carabiniere Iacovacci scendendo nel piazzale antistante la Farnesina e raccogliendosi in silenzio. Alla cerimonia funebre nella Basilica presenti invece il ministro degli Affari Esteri Luigi Di Maio e il segretario generale della Farnesina Elisabetta Belloni. Con loro, tra gli altri, il premier Mario Draghi e la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati in rappresentanza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nonché il presidente della Camera Roberto Fico e il sindaco di Roma Virginia Raggi. (nflash) 

Newsletter
Archivi