SI RAFFORZA L’INTESA TRA CONSULENTI DEL LAVORO ITALIANI E SPAGNOLI

ROMA\ nflash\ - Si rafforza la collaborazione, già avviata a partire dal 2015, tra Consulenti del Lavoro e Graduados Sociales di Spagna, gli omologhi dei Consulenti del Lavoro italiani, guidati dal Presidente Ricardo Gabaldón. Lo scorso 13 febbraio, infatti, presso l’Università “Antonio de Nebrija” di Madrid, la presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine, Marina Calderone, e il presidente della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, Rosario De Luca, hanno preso parte al convegno dedicato al futuro del lavoro nell’Europa 2.0 per analizzare gli elementi che accomunano il mercato del lavoro italiano e spagnolo e gli effetti prodotti dall’innovazione tecnologica e dall’intelligenza artificiale sui sistemi produttivi e sulle relazioni sociali. Un momento di confronto con i Graduados Sociales, necessario a riflettere sulle azioni da mettere in campo in futuro, su come intercettare il cambiamento e sugli strumenti contrattuali da adoperare. “Questo è che quello che vogliamo inserire all’interno di un progetto operativo che, attraverso l’Università Nebrija, ci consenta di studiare e proporre delle riflessioni ai decisori politici, che si traducano poi in sollecitazioni a mettere in atto riforme divenute necessarie nel momento in cui cambiano gli scenari - ha dichiarato Marina Calderone -. Sono già in corso processi demografici che cambieranno il volto della società europea – ha sottolineato la presidente – e per questo dobbiamo comprendere in che modo tutto questo si rifletterà sul mondo del lavoro e come le imprese potranno rendersi attrattive e consapevoli delle nuove strategie”. Una nuova sfida, quindi, per i Consulenti del Lavoro che sono sempre pronti ad adeguare la loro formazione e preparazione per rispondere alle esigenze del mercato del lavoro. (nflash) 

Newsletter
Archivi