TORELLINI (UGL): NON SI TOCCHI IL DIRITTO DI OPZIONE PREVIDENZIALE PER I FRONTALIERI IN SVIZZERA

ROMA\ nflash\ - “In Ticino alcuni partiti sono sempre più alla ricerca di motivi da lana caprina per complicare la vita dei frontalieri”. È la pesante accusa del rappresentante Ugl Scuola Estero Francesco Torellini all'UDC ticinese che, afferma, “molto attiva nell'indirizzare il malcontento della popolazione per gli alti costi della vita verso i lavoratori frontalieri italiani, adesso tira un altro coniglietto nero dal cilindro”. Torellini si rierisce all'interpellanza presentata dal consigliere nazionale UDC Piero Marchesi contro il diritto di opzione per i frontalieri che, “come tutti coloro che esercitano un'attività lucrativa in Svizzera, sono assoggettati all'obbligo di pagare la cassa malati ma le norme prevedono anche la possibilità di rimanere assicurati nel Paese di residenza utilizzando un'opzione. Logicamente la quasi totalità dei frontalieri italiani evita di assicurarsi in Svizzera”.(nflash) 

Newsletter
Archivi