Garavini (IV): basta discriminazioni contro Israele in sede Onu

ROMA\ aise\ - “Solo nel 2020 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato 17 risoluzioni unilaterali contro Israele e solo sei risoluzioni relative a sei degli altri 192 Stati membri per violazioni dei diritti umani”. Per la senatrice di Italia Viva eletta all’estero Laura Garavini si tratta di “un atteggiamento evidentemente discriminatorio, contro il quale Italia Viva aderisce all'appello del gruppo interparlamentare transatlantico “Friends of Israel”.
Con questo appello, spiega Garavini, “chiediamo ai Paesi dell'Unione di votare contro l'eccessivo numero di risoluzioni anti-Israele e di agire per riformare il Consiglio per i Diritti Umani dell'Onu. In una fase in cui gli equilibri geostrategici si stanno rimodulando così rapidamente e con delle Nazioni Unite che si sono manifestate deboli davanti la crisi afghana”, sostiene la senatrice IV, “è necessario avviare un percorso di riflessione sull'organizzazione e il funzionamento di questa istituzione. A partire da ciò che, già adesso, dimostra di non funzionare in maniera coerente con la natura dell'Onu: la tutela dei diritti a tutti i livelli e latitudini”, conclude Garavini. (aise)