ITALIANI ALL’ESTERO: TAVOLA ROTONDA DEL COMITATO 11 OTTOBRE PER RILANCIARE IL SISTEMA PAESE

ITALIANI ALL’ESTERO: TAVOLA ROTONDA DEL COMITATO 11 OTTOBRE PER RILANCIARE IL SISTEMA PAESE

ROMA\ aise\ - Un folto e appassionato pubblico di esperti e operatori ha avuto modo di confrontarsi martedì scorso, 3 marzo, sul tema della tavola rotonda “Italiani all’estero e Sistema Paese. Risorse, Investimenti. Prospettive”, organizzato dal Comitato 11 ottobre inizialmente presso la Sala stampa della Camera dei Deputati e poi spostata alla Galleria della Pigna per l’inagibilità delle strutture pubbliche a causa dei problemi sanitari del coronavirus, che ha impedito qualche partecipazione dal Nord Italia.
Hanno comunque potuto partecipare all’iniziativa Associazioni di italiani nel mondo, come i Mantovani nel Mondo, sociologi, tributaristi e ricercatori. Con loro sono intervenuti anche il deputato di Italia Viva eletto in Europa, Massimo Ungaro, Luigi Scaglione, Coordinatore delle Regioni Italiane per i flussi migratori, Eugenio Marino, consulente del Ministro del Mezzogiorno Provenzano, Nicola Occhipinti, della Direzione Generale degli italiani all’Estero della Farnesina, e Aldo Aledda, Presidente del Comitato 11 Ottobre. Mentre in collegamento hanno seguito la conferenza anche Edith Pinchler e Chiara Prodi del Comitato Generale degli Italiani all’Estero.
Ha fatto in qualche modo da sfondo alle analisi dei partecipanti all’iniziativa una Roma semideserta, quasi metafora di un’Italia impaurita, vicina alla recessione economica, spopolata, con bassa natalità e giovani e meno giovani che emigrano all’estero per cifre che si avvicinano sempre più a quelle dei grandi flussi dell’ultimo Dopoguerra. Intorno a questo scenario sono ruotati i vari interventi che vertevano sulla questione di fondo: è utile investire sugli italiani all’estero, a prescindere dal fatto che oggi comunque rappresentano il 6% del Paese?
A tal ragione il tributarista Salvatore Cuomo, considerando che gli interventi a favore degli italiani non residenti vanno contro la normativa europea che non consente distinzioni riguardo alla cittadinanza - anche se risulta indubbio che eventuali agevolazioni fiscali andrebbero a favore dell’economia nazionale, rivitalizzando i territori, l’edilizia locale e le piccole iniziative soprattutto sul piano turistico e culturale – ha specificato che sarebbe opportuno subordinare eventuali vantaggi fiscali al legame col territorio di origine o ad altri elementi distintivi o identitari, come il passaporto, che compenserebbero alla lunga anche la perdita subita dai piccoli comuni dei relativi gettiti d’imposta.
Sulla stessa lunghezza d’onda si è ritrovato lo stesso parlamentare DI Italia Viva eletto in Europa, Massimo Ungaro, che ha sottolineato i benefici che possono derivare da un’interazione tra le comunità locali e i vecchi emigranti delle rispettive zone anche in termini di turismo delle origini che può portare al superamento della monocultura che vede solo nei grandi centri nazionali le mete esclusive del turismo internazionale valorizzando invece tutto il resto del territorio nazionale grazie anche alla curiosità e all’intraprendenza di chi non ha mai cessato di tenerlo al centro dei propri interessi, non solo affettivi.
L’indispensabilità di appoggiare la diffusione di una nuova concezione sul made in Italy, oggi più globalizzata e caratterizzata da dimensioni finanziarie internazionali, è stata espressa in seguito da Riccardo Giumelli dell’Università di Verona. Il sociologo veronese ha perciò concordato con il Vicepresidente dell’Associazione “Svegliamoci Italici”, Umberto Laurenti, di coinvolgere su questi temi la vasta massa degli “italici” che, nel mondo, assommerebbero 250/300 milioni. In proposito Daniele Marconcini, presidente dei mantovani nel mondo, ha sottolineato come sia singolare che mentre tutti i paesi ricorrono ai propri connazionali per diffondere la produzione nel mondo, ciò non avvenga in Italia.
Allargare l’Italia, dunque, aprire agli italo-discendenti e all’attivismo economico di chi le ha realizzate a suo tempo il gran numero di abitazioni edificate dai vecchi migranti o quelle dismesse in numero sempre maggiore dalle famiglie italiane oggi sempre meno allargate, oltre che dalla popolazione che invecchia e abbandona i piccoli centri. Ma potrebbero sopportare le strutture pubbliche italiane una simile immissione, già dalle sue prime uscite auspicata dal Comitato 11 ottobre? E, in buona sostanza, quanto costerebbe aprire le porte a discendenti dei previ migranti, degli italici e ai rientranti?
La risposta a tale quesito è, in Sud America, potenzialmente nulla, come spiegato dal Consigliere della Direzione Generale degli italiani all’Estero nel Ministero degli Affari Esteri, Nicola Occhipinti, già Console in alcuni consolati strategici, come quello di Buenos Aires e Porto Alegre. Infatti, con l’afflusso di denaro proveniente dai discendenti che richiedono il riconoscimento jus sanguinis, se i Consolati in Sud America (dove la domanda di riconoscimento ius sanguinis è più elevata) lavorano secondo criteri operativi, generano entrate (percezioni pagate dagli italiani all’estero) pari o superiori a quanto tali strutture costano ai contribuenti residenti in Italia (includendovi gli stipendi del personale, gli affitti delle sedi, la sicurezza e le utenze). Il riflesso positivo lo si ha nel fatto che, con le richieste di cittadinanze, passaporti (e visti da parte degli stranieri, soprattutto in Europa orientale ed Asia), aumenta l’interesse per l’Italia, come destinazione turistica e sede d’interesse economico, formazione e università, sebbene non necessariamente intesa come meta finale.
Capire a quanto ammonta l’impegno pubblico a favore dell’emigrazione italiana era uno degli scopi della tavola rotonda. Posto inizialmente dal presidente della Tavola e coordinatore del Comitato, Aldo Aledda, che ha calcolato in quasi del 90% la caduta delle risorse pubbliche stanziate da Stato e Regioni dal 2001, mentre Luigi Scaglione, Coordinatore delle Regioni Italiane per i flussi migratori, ha quantificato in poco più di dieci milioni di Euro l’impegno delle regioni nonostante sia sentita da molte di esse la necessità di rendere disponibile il territorio per iniziative di valorizzazione da parte dei migranti o dei rientranti.
In questo quadro, tenendo conto delle diverse sensibilità regionali in ordine ai diversi interventi, Scaglione ha auspicato che dalla prossima Conferenza permanente Stato-Regioni e province Autonome – CGIE possa emergere una linea univoca che possa essere adottata coerentemente dal Governo ed alle Regioni capace di favorire lo sviluppo del Paese, una volta cessata l’emergenza attuale, imperniata in particolare sul turismo di ritorno e il rientro dei nostri emigranti e dei loro discendenti.
Con uno sguardo al Mezzogiorno ha condiviso le medesime preoccupazioni Eugenio Marino, consulente del Ministro del Mezzogiorno Provenzano, che ha espresso la necessità di portare i temi del ruolo e dell’importanza per l’economia e la società italiana ai massimi livelli di conoscenza e sensibilità dell’opinione pubblica. Tema ripreso anche dall’intervento di Giuseppe Sommario, ricercatore dell’Università cattolica di Milano, esperto di emigrazione, che ha voluto ribadire la necessità di un investimento politico-culturale in questa materia, con al centro lo studio dell’emigrazione nelle scuole e nelle università.
In conclusione, l’On. Ungaro ha chiesto il sostegno del mondo organizzato degli italiani nel mondo per la creazione di una Bicamerale tra gli eletti al Parlamento italiano che dovrebbe in qualche modo equilibrare la riduzione del numero di parlamentari eletti nella circoscrizione estera. Alla fine l’On. Fabio Porta, Garante del Comitato, ha dato atto agli organizzatori dell’iniziativa di aver fatto la scelta giusta nel confermare questa iniziativa in una giornata segnata ancora dall’emergenza coronavirus: “Ancora una volta rivendichiamo la specificità degli italiani nel mondo come risposta alla recessione economica e a quella demografica, come anche l’urgenza ancora più evidente di investire con politiche intelligenti e lungimiranti nei settori al centro della nostra discussione odierna (politiche fiscali, turismo delle radici, sostenibilità della rete consolare all’estero)”. I promotori del “Comitato 11 ottobre di iniziativa per gli italiani nel mondo” hanno così confermato il loro impegno a continuare l’approfondimento su queste tematiche, coinvolgendo analoghe iniziative come quella degli “Italici” o delle “Rimesse 2.0” già a partire da una prossima iniziativa pubblica in programma per il maggio di quest’anno. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi