FRIULI VENEZIA GIULIA: GIORNO RICORDO E FOIBE NEI LAVORI DEL CONSIGLIO REGIONALE

FRIULI VENEZIA GIULIA: GIORNO RICORDO E FOIBE NEI LAVORI DEL CONSIGLIO REGIONALE

TRIESTE\ aise\ - Due giorni di lavoro per il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, domani e giovedì, 19 e 20 febbraio. Al centro dei lavori tre provvedimenti riguardanti il dramma delle Foibe, oltre a una serie di mozioni presentate sia dalla Maggioranza sia dalle Opposizioni.
In particolare, domani mattina l'Assemblea regionale celebrerà in apertura il Giorno del Ricordo, solennità italiana istituita con legge nel 2004 per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle Foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale.
Si aprirà quindi lo spazio dedicato allo svolgimento delle interrogazioni e interpellanze da parte dei consiglieri agli assessori, cui farà seguito l'esame e la votazione della proposta di legge 21 concernente interventi volti a far conoscere sempre più diffusamente, specie fra i giovani e gli studenti, e a ricordare il dramma delle Foibe e dell'esodo istriano-fiumano-dalmata.
Giovedì 20, l'Aula dovrà trattare e votare la proposta di legge nazionale 8 - contenente modifiche all'articolo 604-bis del codice penale in materia di negazione, minimizzazione in modo grave o apologia dei massacri delle Foibe - e il Voto alle Camere 6 - che riguarda l'introduzione dell'aggravante di negazionismo per coloro i quali negano la tragedia dell'esodo giuliano-dalmata e delle Foibe. (aise) 

Newsletter
Archivi