CORONAVIRUS/ IN SVIZZERA MISURE PIÙ SICURE PER I FRONTALIERI: LA SODDISFAZIONE DI SCALFAROTTO

CORONAVIRUS/ IN SVIZZERA MISURE PIÙ SICURE PER I FRONTALIERI: LA SODDISFAZIONE DI SCALFAROTTO

ROMA\ aise\ - Buone notizie per i frontalieri italiani: il Canton Ticino ha assunto decisioni più restrittive in tema di profilassi da Covid-19 per le attività commerciali, le riunioni e gli assembramenti, le chiese e le scuole.
Il sottosegretario agli Affari Esteri delegato ai rapporti con i Paesi europei, Ivan Scalfarotto, che nei giorni scorsi ha seguito con costanza la questione, ha espresso all’ambasciatrice elvetica a Roma la sua “soddisfazione per misure che andranno a rendere più sicura anche la prestazione lavorativa dei nostri frontalieri”. Scalfarotto ha anche ringraziato l'ambasciatrice “per le informazioni tempestive che continuiamo a ricevere da Berna, chiedendo, ancora una volta, di assicurare ai lavoratori italiani delle zone di confine il massimo delle garanzie in termini di mobilità e di sicurezza”.
Nella giornata di sabato lo stesso Scalfarotto ha confermato la sua “disponibilità a collaborare a tutti i livelli istituzionali al presidente della Regione Lombardia Fontana, ad ANCI Lombardia e ai sindaci della fascia di confine. Credo che, su un tema così importante per decine di migliaia di famiglie e per i buoni rapporti che ci devono essere con un Paese vicino e amico, sia fondamentale esercitare una leale e positiva collaborazione tra tutti i livelli di governo”, ha concluso. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi