IL RICORDO DI PIERSANTI MATTARELLA DELLE ACLI DI BAVIERA

IL RICORDO DI PIERSANTI MATTARELLA DELLE ACLI DI BAVIERA

MONACO DI BAVIERA\ aise\ - Le ACLI Baviera ricordano la figura e l'opera di Piersanti Mattarella, Presidente della Regione siciliana, vittima di un vile, barbaro attentato a Palermo, il 6 Gennaio 1980.
Piersanti Mattarella ha scritto pagine indelebili di lotta alla mafia, che allora in Sicilia, costituiva una criminalità verticistica e granulare contemporaneamente, capace di sviare approcci idonei all'indagine e al giudizio. Piersanti Mattarella ha ricercato nella trasparenza degli appalti e subappalti pubblici, una chiave autentica di riscatto, sia nella fase di aggiudicazione dei lavori che nel percorso di esecuzione delle opere. Piersanti Mattarella ha individuato netto snellimento degli itinerari burocratici la via per la modernizzazione degli apparati regionali, riaprendo il dialogo tra società civile e istituzioni, in un rapporto di rispetto, alla ricerca di prospettive di crescita sociale ed economica di ampia parte della realtà siciliana. Piersanti Mattarella ha declinato gli equilibri delle forze politiche, apparentemente divise e contrarie, allora emergenti, in un decalogo di praticabili, condivise priorità atte a favorire il bene comune. Piersanti Mattarella ha riconosciuto l'importanza di investimenti, non solo dello Stato centrale, ma anche esteri per lo sviluppo di mercati industriali, manifatturieri e turistici in Sicilia.
Le ACLI Baviera onorano Piersanti Mattarella e il suo sacrificio, anticipato nette parole e confidenze, che rappresenta uno spartiacque non solo nella storia siciliana, macchiata di atroci omicidi di stampo mafioso ed estremismo politico, ma anche italiana, che proprio in quegli anni ha vissuto anni di efferato oscurantismo. L'asfalto, a Palermo, intriso di sangue di un uomo giusto e innocente, ha rappresentato una cocente sconfitta dei valori comuni della libertà che lo Stato è tenuto a garantire, ma al tempo stesso è anche il luogo da cui rinasce la linfa democratica, alla fine maturata tra la codardia e l'intesa di molti con apparati corrotti e malviventi e il coraggio esemplare e il martirio, persino, di pochi. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi