A SOSTEGNO DELL’INTEGRAZIONE DEL CONTINENTE AFRICANO

A SOSTEGNO DELL’INTEGRAZIONE DEL CONTINENTE AFRICANO

ROMA\ aise\ “La lungimirante decisione che, 57 anni orsono, portò alla nascita dell’Organizzazione per l’Unità Africana ha trovato da sempre nell’Italia un partner convinto e affidabile. Il nostro Paese sostiene con determinazione il progetto di una sempre maggiore integrazione del continente africano - sia a livello regionale sia sub regionale - e guarda con la massima attenzione alle relazioni con l’Africa nel suo insieme e con ciascuno dei Paesi che ne fanno parte: solo così, infatti, il Mediterraneo potrà essere fedele alla sua vocazione, storica e geografica, di ponte fra i due continenti”. Così il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata dell’Africa che, seppur celebrata “con modalità diverse da quelle consuete ma con pari intensità” offre “l’opportunità di porgere i più cordiali auguri a quanti partecipano a questa iniziativa, a tutti i membri del Corpo diplomatico africano accreditati a Roma e a quanti quotidianamente si impegnano per rendere sempre più incisivo ed efficace il lavoro dell'Unione Africana”.
Guardare al Mediterraneo è “un’esigenza avvertita oggi con maggior forza in ragione del diffondersi su scala globale del covid-19, che ha causato la perdita di innumerevoli vite umane e profondamente sconvolto famiglie, comunità e sistemi produttivi”.
L’Africa, l’Europa e l’Italia – sottolinea il Presidente – sono adesso chiamate a far fronte alle ricadute della pandemia non solo sul piano sanitario ma anche su quello dell’indispensabile riattivazione del tessuto economico che, per avere successo, richiederà un ulteriore approfondimento, tanto in Africa quanto in Europa, dei processi di integrazione. Significativo, in proposito, l’avvio di realizzazione dell’Area Comune di Libero Scambio Africana. Uno sforzo comune che – osserva Mattarella – non potrà prescindere da un’attenta, aperta e ponderata riflessione sui valori e sui principi che poniamo a fondamento dei nostri modelli di società, al fine di rendere le nostre comunità più coese e forti”.
“Adottare una prospettiva capace di guardare oltre le contingenze della grave crisi attuale – secondo il Capo dello Stato – ci permetterà di affrontare con rinnovato spirito di collaborazione – nel quadro dei rapporti fra Unione Africana ed Unione Europea – percorsi di cooperazione internazionale promuovendo la pace, la dignità umana e lo sviluppo sostenibile. In tale spirito, l’Italia continua a sostenere i processi di riconciliazione nazionale e di stabilizzazione intrapresi nel continente africano e ha accolto con favore l’appello del Segretario Generale delle Nazioni Unite per un cessate-il-fuoco globale. Occorre evitare che in contesti già duramente provati dal punto di vista umanitario il perdurare dei conflitti renda ancora più arduo il necessario contrasto all’epidemia”.
“Solo un multilateralismo efficace – rimarca Mattarella – permetterà alla Comunità Internazionale di definire, nel segno di una concreta solidarietà, una risposta congiunta alle conseguenze economiche e finanziarie della pandemia. Abbiamo presenti le aspettative dell’Unione Africana a tale riguardo e - nel contesto dei fori multilaterali cui partecipiamo e, in particolare, nell’ambito della Presidenza Italiana del G20 nel 2021 - intendiamo offrire il nostro contributo all’individuazione di concrete soluzioni. L’odierna celebrazione, per la quale rinnovo i più cordiali auguri, - conclude Mattarella – ci offre dunque l’occasione per tracciare un bilancio e progettare il futuro - grazie a una auspicabile sempre più stretta cooperazione tra Africa, Europa e Italia – superando le difficoltà di questo frangente della nostra comune storia”. (aise)

Newsletter
Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli