CORONAVIRUS: SALGONO A 150 I CONTAGI IN ITALIA

CORONAVIRUS: SALGONO A 150 I CONTAGI IN ITALIA

ROMA\ aise\ - Sono salite a 150 le persone contagiate da Coronavirus in Italia, tutti concentrati nel Nord Italia tra le regioni Lombardia, Veneto, Piemonte, Emilia-Romagna e Trentino-Alto Adige. I morti accertati sono quattro: è la Regione Lombardia a confermare la morte di un uomo di 84 anni, ricoverato all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.
Il numero dei contagiati è in costante aggiornamento anche perché, come chiarito da diversi virologi, ora “li stiamo cercando”. Come spiegato ieri dal capo della Protezione civile Borrelli “non siamo ancora riusciti a trovare il “paziente 0”, dunque è ancora difficile formulare ipotesi sulla diffusione" del virus.
In attesa degli aggiornamenti dalla riunione del Comitato operativo sul Coronavirus presieduta dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ora in corso, le regioni interessate hanno adottato imponenti misure restrittive che prevedono scuole e principali luoghi di ritrovo chiusi per una settimana.
"Sono oltre 3000 i tamponi eseguiti”, ha spiegato Borrelli. “Al momento sono già disponibili migliaia di posti letto in decine di strutture militari in Italia nel caso fosse necessario mettere i cittadini in quarantena. L'Esercito ha messo a disposizione 3.412 posti letto in oltre mille camere, mentre l'Aeronautica ne ha dati circa 1.750. Abbiamo fatto inoltre una ricognizione con le regioni per gli alberghi - ha aggiunto - e siamo pronti ad utilizzarli".
Intanto sono tornati in Italia parte degli italiani che erano a bordo della Diamond Princess, la nave bloccata in Giappone dall'emergenza coronavirus. I connazionali sono rientrati con un volo del Ministero della Difesa, coordinato dall’Unità di crisi della Farnesina. Il volo ha trasportato 37 passeggeri, sia italiani che internazionali. Prima di atterrare all'aeroporto di Pratica di Mare, il volo dell'Aeronautica Militare ha fatto scalo a Tegel (Berlino) per far sbarcare 15 passeggeri di altre nazionalità.
Successivamente, il volo è atterrato in Italia con 19 italiani e 3 cittadini di altra provenienza.
Una volta atterrati, i 19 italiani dopo i primi screening medici da parte del team sanitario, composto da medici e infermieri della Marina della Aeronautica Militare e personale specializzato dell'Ospedale Spallanzani, sono stati trasportati e sottoposti ad un periodo di osservazione presso il Centro Sportivo Olimpico dell'Esercito presso la città militare della Cecchignola. Ieri, il Ministro degli esteri Luigi Di Maio si è collegato in videoconferenza con l’Ambasciatore italiano a Pechino, Luigi Ferrari, per fare il punto della situazione. Al centro del colloquio: situazione dei connazionali, relazioni tra i due Paesi e prospettive di ripresa e normalizzazione economica. Il Ministro, riporta la Farnesina, ha assicurato “pieno sostegno” al lavoro dell'Ambasciata a tutela dei connazionali e delle imprese. Il Ministero della Salute ha pubblicato un’Ordinanza con “ulteriori misure profilattiche" che prevede "l’obbligo della quarantena con sorveglianza attiva per 14 giorni per gli individui che abbiano avuto contatti stretti con casi confermati di malattia infettiva diffusiva COVID-19" e "l’obbligo per tutti gli individui che negli ultimi 14 giorni abbiano fatto ingresso in Italia dopo avere soggiornato nelle aree della Cina interessate dall’epidemia, come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, di comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria territorialmente competente per consentire l’adozione della misura della permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva ovvero, in presenza di condizione ostative, di misure alternative di efficacia equivalente".  Nessuna limitazione, al momento, per i frontalieri italiani che ogni giorno vanno a lavorare in Svizzera. "Non ci saranno limitazioni per le frontiere", ha confermato Daniel Koch, capo divisione malattie trasmissibili all'Ufficio federale della sanità pubblica della Svizzera.(aise)

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi