Il Gran tour veneziano allo Smithsonian di Washington

WASHINGTON\ aise\ - “Sargent, Whistler and Venetian Glass: American Artists and the Magic of Murano” è la mostra che dall’8 ottobre darà lustro al revival del vetro veneziano di fine Ottocento e la sperimentazione artistica che la città di Venezia ha ispirato per gli artisti che la visitarono. La mostra, in programma allo Smithsonian American Art Museum di Washington DC sino all’8 maggio 2022, è il primo esame completo del turismo americano, dell'arte e del collezionismo d'arte a Venezia, rivelando le fornaci di vetro e il loro nuovo boom creativo come un aspetto vibrante del fascino della città.
Sebbene l'isola veneziana di Murano sia stata un importante centro di produzione del vetro sin dal Medioevo, la fiorente industria di oggi deriva da un'esplosione di produzione tra il 1860 e il 1915. In questa epoca, i vetrai di Murano iniziarono a specializzarsi in vasi soffiati a mano delicati e complessi, abbagliando il mondo con colori brillanti e virtuosismi scultorei. Questa rinascita del vetro ha coinciso con un'ondata di popolarità di Venezia come destinazione per i turisti, portando a frequenti raffigurazioni di vetrai italiani e oggetti in vetro di artisti provenienti dall'estero. I pittori americani e i loro mecenati hanno visitato le fornaci di vetro e molti hanno raccolto calici e vasi decorati con fiori, draghi e creature marine. I vasi di vetro veneziani e anche i mosaici di vetro sono diventati rapidamente più che souvenir: questi sono stati stimati come opere d'arte di qualità museale.
Inoltre le invenzioni dei maestri vetrai muranesi consacrarono Venezia come centro di sperimentazione artistica. I soggiorni a Venezia furono punti di svolta per John Singer Sargent, James McNeill Whistler e decine di artisti che ne seguirono le orme, facendo spesso riferimento all'industria del vetro nelle loro opere.
Con oltre 140 oggetti, questa mostra presenta una selezione selezionata di vasi di vetro in dialogo con dipinti, acquerelli e stampe dei tanti talentuosi artisti americani che hanno trovato ispirazione a Venezia. Questa giustapposizione rivela l'impatto del vetro italiano sull'arte americana, sulla letteratura, sulla teoria del design e sull'educazione scientifica, nonché sulle idee dell'epoca su genere, lavoro e relazioni di classe.
Oltre alle opere di Sargent e Whistler, la mostra presenta dipinti e stampe di Frank Duveneck, Thomas Moran, William Merritt Chase, Maurice Prendergast, Maxfield Parrish, Louise Cox ed Ellen Day Hale. Questi sono presentati insieme a ritratti di mosaici in vetro veneziano raramente visti e tazze di vetro, vasi e urne dei principali vetrai di Murano, inclusi membri delle leggendarie famiglie Seguso, Barovier e Moretti. Opere notevoli della collezione dello Smithsonian American Art Museum si uniscono ai prestiti del Metropolitan Museum of Art, dell'Art Institute of Chicago e di dozzine di altre illustri collezioni pubbliche e private.
Per Sargent, Whistler e molti dei loro mecenati, il vetro veneziano era irresistibilmente bello e la raccolta di questi squisiti vasi esprimeva rispetto sia per la storia che per l'innovazione. Ricreando il loro viaggio transatlantico - dalle fornaci di Murano ai saloni e ai musei americani - questa mostra, con il catalogo riccamente illustrato che l’accompagna, farà rivivere l'energia creativa che ha attirato turisti e artisti del XIX secolo a Venezia. Questo spirito ha generato il rinomato festival di arte contemporanea della Biennale di Venezia e vive nel continuo impegno dei vetrai veneziani per l'eccellenza.
La mostra è organizzata da Crawford Alexander Mann III, curatore di stampe e disegni allo Smithsonian American Art Museum.
Il catalogo della mostra contiene cinque nuovi saggi di esperti di storia dell'arte americana e del vetro veneziano: Sheldon Barr, studioso indipendente del revival veneziano del vetro, Melody Barnett Deusner, professore associato di storia dell'arte all'Indiana University Bloomington, Diana Jocelyn Greenwold, curatrice d'arte americana al Portland Museum of Art nel Maine, Stephanie Mayer Heydt, Margaret and Terry Stent Curator of American Art presso l'High Museum of Art di Atlanta, e Crawford Alexander Mann III, curatore di stampe e disegni allo Smithsonian American Art Museum.
Fornendo la prima ricerca combinata di belle arti e arti decorative del grand tour veneziano, questo libro è un prezioso contributo ai campi dell'arte americana e della storia culturale del diciannovesimo secolo. Co-pubblicato dallo Smithsonian American Art Museum in associazione con Princeton University Press, sarà disponibile per l'acquisto nel negozio del museo e online. (aise)