La Barbie di Samantha Cristoforetti vola nello Spazio

ROMA\ aise\ -Donne nello spazio”. Questo il tema della Settimana mondiale dello spazio che vede il brand Barbie, la bambola più famosa del mondo, incoraggiare le ragazze a diventare la prossima generazione di astronaute, ingegneri e scienziate aerospaziali. E per farlo, ha dato il via ad una collaborazione con l’Agenzia Spaziale Europea - ESA, e con Samantha Cristoforetti, l’astronauta italiana che sarà la prima donna europea al comando della Stazione Spaziale Internazionale nel 2022 e nella sua prossima missione porterà con sé la Barbie che la raffigura, per continuare a ispirare le future generazioni.
L’iniziativa è dunque volta a celebrare il "Women in Space", ispirando così le bambine di tutto il mondo a considerare il campo STEM come una valida opzione di carriera. Parte dei proventi delle vendite della bambola Barbie Samantha Cristoforetti, precedentemente realizzata come Barbie in edizione unica, e ora disponibile in tutta Europa, sarà donata a Women In Aerospace per ispirare la prossima generazione attraverso una borsa di studio Barbie per un dottorato di una studentessa.
Inoltre, la bambola create a somiglianza di Samantha è partita dalla base dell'ESA in Germania e ha viaggiato su un volo a gravità zero, riproducendo la preparazione e l'esperienza di un vero astronauta.
Samantha Cristoforetti, 44 anni, italiana - è un'aviatrice, ingegnere, astronauta ed è attualmente in addestramento in vista della sua prossima missione alla Stazione Spaziale Internazionale nell'aprile 2022. Durante i suoi sei mesi di servizio, assumerà il ruolo di Comandante e ha intenzione di portare la sua bambola in missione con lei per continuare a ispirare le ragazze.
"A volte le piccole cose possono piantare i semi di grandi sogni, chi lo sa? Forse il divertimento, le immagini della mia bambola che fluttua nell'assenza di gravità stimoleranno l'immaginazione delle bambine e le porteranno a considerare una carriera nel mondo STEM”, ha commentato l’astronauta.
La relazione del Parlamento europeo sulla promozione della parità di genere nell'istruzione e nelle carriere nelle scienze, nella tecnologia, nell'ingegneria e nella matematica (STEM) rileva che "l'UE sta affrontando una carenza senza precedenti di donne nelle carriere e nell'istruzione STEM, non da ultimo consideriamo che le donne rappresentano il 52% della popolazione europea e il 57,7% dei laureati nell'UE, ma rappresentano solo 2 scienziati e ingegneri su 5". Ciò significa che stanno perdendo carriere potenzialmente appaganti e ben pagate in questo settore, dove il tasso di crescita dell'occupazione è tre volte più veloce rispetto ai lavori non STEM.
È inoltre disponibile da oggi materiale educativo per mettere in luce diverse carriere nel campo spaziale e per insegnare ai bambini in età scolare sempre di più sullo spazio, incluso ciò che accade su un volo a gravità zero! le informazioni e i video possono essere scaricati qui: www.barbie.com/en-gb/Space.
"Alla luce delle carriere STEM ancora sottorappresentate dalle donne, Barbie sta usando la sua piattaforma in questa Settimana Mondiale dello Spazio per mostrare alle bambine diversi ruoli e attività entusiasmanti nel campo aerospaziale affinché possano esplorare il loro potenziale illimitato", ha affermato la portavoce di Barbie, Isabel Ferrer.
Negli ultimi 55 anni, Barbie ha ispirato le bambine attraverso le carriere nello spazio, fin da quando la sua prima bambola Barbie Astronauta "camminò sulla luna" nel 1965, prima ancora che lo facesse l'uomo. Barbie è stata astrofisica, scienziata spaziale e astronauta e ha realizzato bambole One-Of-A-Kind di role models d’esempio per le bambine, come Sally Ride dagli USA, Anna Kikina dalla Russia e, naturalmente, Samantha Cristoforetti di ESA.
Mostrare alle ragazze le carriere STEM è uno dei modi in cui il brand sta lavorando per colmare il Dream Gap – il divario che separa le bambine dal loro infinito potenziale. Una ricerca mostra che a partire dall'età di 5 anni, molte bambine sviluppano convinzioni autolimitanti e iniziano a pensare di non essere intelligenti e capaci come i maschi. Smettono di credere che il loro genere possa fare o essere qualsiasi cosa. Barbie ha lanciato il Dream Gap Project nel 2018, un'iniziativa globale ancora in corso che offre alle bambine le risorse e il supporto di cui hanno bisogno per continuare a credere in se stesse.
La partnership Barbie/ESA è stata ideata dopo che una ricerca nel Regno Unito, condotta nel 2019, ha mostrato che 4 genitori su 10 ritenevano di non dover stimolare le loro figlie ad intraprendere questo tipo di carriera, a causa della loro stessa mancanza di conoscenze in questo settore. Più del 30% non credeva che ci fossero abbastanza modelli di ruolo positivi nello spazio e nei campi relativi alle discipline STEM per le bambine, mentre il 70% concordava sul fatto che i risultati delle donne nello spazio debbano essere maggiormente equiparati a quelli dei loro colleghi maschi. (aise)