Maurizio Massari nuovo Rappresentante Permanente all’Onu

ROMA\ aise\ - "Contribuire a superare la pandemia, puntando a ridisegnare società più pacifiche, prospere, giuste, resilienti, sostenibili e rispettose dei diritti umani. Durante il mio mandato lavorerò attivamente e in maniera inclusiva con tutti gli stakeholder, affinchè l’Italia rafforzi ulteriormente l’impegno e il ruolo proprio e dell’Unione Europea all’Onu nel perseguimento di un multilateralismo efficace, in grado di fronteggiare le principali sfide globali”. Così Maurizio Massari, da oggi nuovo Rappresentante Permanente d'Italia presso le Nazioni Unite a New York, dove succede a Mariangela Zappia.
Napoletano, classe 1959, Massari si laurea all’Orientale di Napoli in scienze politiche ed entra in carriera diplomatica nel 1985.
Il primo incarico alla Farnesina lo vede alla Direzione Generale Affari Economici; nel 1986 vola a Mosca dove è Secondo segretario a Mosca; lascia la Russia per l’Inghilterra: nel 1990 è primo segretario commerciale a Londra. Quattro anni più tardi torna in Italia ed è impiegato nella Segreteria particolare del Sottosegretario, incarico che mantiene nonostante il cambio di Governo fino al 95.
L’anno successivo torna alla DG Affari Economici, che lascia nel 1998 quando è Consigliere a Washington. Nel 2001 torna di nuovo alla Farnesina, questa volta alla DG Paesi Europa; nel 2003 viene posto fuori ruolo per prestare servizio presso l'OSCE quale Capo della Missione a Belgrado, con titolo e rango di Ambasciatore.
Nel 2006 è di nuovo a Roma, alla Segreteria Generale dove nel 2007 viene posto a capo dell’Unità di Analisi e Programmazione. Nel 2009 è Capo del Servizio Stampa e Informazione, con il connesso incarico di portavoce del Ministro; nel 2012, al Gabinetto del Ministro, ha l’incarico di suo Inviato Speciale per il Mediterraneo e il Medio Oriente.
Nel 2013 è Ambasciatore a Il Cairo, dove rimane fino al 2016, quanto assume l’incarico di Capo della Rappresentanza permanente presso l’Unione Europea a Bruxelles, incarico che ora lascia per New York. (aise)