Sergio Barbanti nuovo ambasciatore a Tel Aviv

ROMA\ aise\ - “Sono lieto di rappresentare l’Italia in Israele, terra ove si incrociano strade, fedi e idee. Una profonda amicizia unisce i nostri due Paesi, lambiti dallo stesso mare. L’Ambasciata d’Italia continuerà ad essere un luogo di incontro tra Italia e Israele, un luogo in cui italiani e israeliani si sentano ugualmente a casa”. Così Sergio Barbanti, da oggi nuovo ambasciatore d’Italia a Tel Aviv.
Milanese, classe 1957, Barbanti si laurea in giurisprudenza all’Università di Roma ed entra in carriera diplomatica (specializzazione commerciale) nel 1987.
Il primo incarico alla Farnesina è alla Direzione Generale Affari Economici; nel 1990 è primo segretario commerciale ad Harare, dove rimane fino al 1994 quando lascia lo Zimbabwe per gli Usa: a Washington è Primo segretario per la stampa e l'informazione.
Nel 2000 torna a Roma, prima alla Dg Affari Politici Multilaterali e Diritti Umani e poi posto fuori ruolo per prestare servizio presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri quale Consigliere Diplomatico del Ministro per la Funzione Pubblica.
Nel 2004 è Console Generale a Madrid; quattro anni dopo torna alla Farnesina: è alle dirette dipendenze del Direttore Generale per i Paes
dell’Europa. Nel 2009 è Ambasciatore a Podgorica; finito il mandato in Montenegro, torna alla Farnesina dove nel 2013 è alle dirette dipendenze dell’Ispettore Generale del Ministero e degli Uffici all’estero, incarico quest’ultimo che assume nel 2016 e che mantiene vino al novembre 2017 quando diventa Ambasciatore a Vienna, incarico che ora lascia per Tel Aviv dove succede a Gianluigi Benedetti. (aise)