Si alza il sipario a Expo Dubai

ABU DHABI\ aise\ - Si alza il sipario su eventi e contenuti che il Padiglione Italia sotto il claim “La Bellezza unisce le Persone” porta assieme ai territori, alle istituzioni, alle imprese e alle università del Paese a Expo Dubai, la prima Esposizione Universale nel mondo arabo.
Un’operazione di diplomazia scientifica, economica e culturale

L’Italia delle competenze per l’innovazione, la sostenibilità, la formazione salpa verso Expo Dubai con un programma di iniziative ed eventi internazionali dedicati alla capacità innata del nostro Paese di connettere popoli, culture, intelligenze attraverso bellezza, saper fare, creatività.
Con i 70 partner istituzionali, le oltre 50 imprese sponsor, le 15 Regioni e le 30 Università aderenti, verrà promosso un vasto programma di forum multilaterali e dialoghi di alto livello che analizzeranno le sfide più pressanti dell’umanità e guarderanno al futuro indicando soluzioni per generare crescita, innovazione e collaborazione internazionale su temi fondamentali quali: clima, spazio, sviluppo urbano, promozione del dialogo interculturale, innovazione e digitalizzazione nella salute, nell'agricoltura e nella blue economy, Obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU.
Verrà data massima eco alle ambizioni e prospettive del nostro Paese nel quadro del Green Deal europeo, del Next Generation EU e del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.
Ampio spazio sarà dato poi alla programmazione business con numerosi eventi di approfondimento e di networking volti a promuovere la diffusione del “Made with Italy”.
L’Italia sarà inoltre protagonista assoluta del “Programme for People & Planet”, il Palinsesto di iniziative istituzionali di alto livello promosso dagli organizzatori dell’Esposizione Universale, co-organizzando con Expo Dubai e gli altri Paesi partecipanti iniziative multilaterali dedicate ai cambiamenti climatici e alla resilienza degli ecosistemi montani, all’osservazione della Terra dallo spazio, alle nuove sfide per l’istruzione e la formazione, al dialogo interreligioso e interculturale, alla parità di genere, al futuro dell’alimentazione e ai processi più innovativi applicati alle filiere dell’agroalimentare.
Al centro del percorso espositivo, le bellezze artistiche e paesaggistiche delle 15 Regioni partecipanti e le eccellenze del Saper Fare degli artigiani e delle aziende manifatturiere di tutto il Paese che il mondo identifica con il Made in Italy vengono celebrate dal regista premio Oscar Gabriele Salvatores con un progetto nato da un’idea del Direttore Artistico del Padiglione Italia Davide Rampello.
Un’Italia da Oscar
Tutti gli eventi e le iniziative del Padiglione Italia saranno inseriti nel contesto delle settimane tematiche di Expo Dubai. Nel corso della prima, dedicata dagli organizzatori dell’Esposizione Universale a “Cambiamento climatico e Biodiversità”, al Padiglione Italia sarà Venezia la grande protagonista. Il gioiello veneto verrà portato come esempio di un laboratorio locale e modello internazionale per il contrasto agli effetti dei cambiamenti climatici e la promozione di processi innovativi di transizione ambientale, innovazione culturale e sociale. Inoltre, nella giornata del 3 ottobre, uno dei due forum dedicati alla città lagunare lancerà la candidatura di Venezia a capitale mondiale della sostenibilità.
Un altro evento dedicato ai territori è previsto per la fine di ottobre, con la Giornata dedicata alle Capitali Europee della Cultura, a cura della Fondazione Matera Basilicata 2019: in risalto il ruolo della cultura nella rigenerazione sostenibile dei luoghi, sulla base dei valori della New European Bauhaus.
Tantissimi anche gli appuntamenti di cultura e spettacolo che il Padiglione Italia nel corso del semestre ha organizzato o co-organizzato e che vedranno alcuni dei grandi nomi della musica, del teatro, dell’arte e della danza esibirsi a Expo Dubai. Tra questi spicca la rappresentazione, per la prima volta negli Emirati Arabi Uniti, dell’opera di Giuseppe Verdi “Nabucco” affidata alla direzione di Riccardo Muti con l’Orchestra Luigi Cherubini. In evidenza anche la partecipazione di Roberto Bolle, Paolo Fresu, Piazza Vittorio Orchestra, “100 Cellos” con Giovanni Sollima & Enrico Melozzi, Piovani, Tosca… In occasione del National Day dell’Italia del 24 novembre si esibirà l’Accademia alla Scala.
Sono dieci i format di centinaia di eventi e iniziative che si terranno nella casa dell’Italia durante i sei mesi dal primo di ottobre al 31 marzo 2022: a presentarli, con dei video dedicati visibili sul sito, sui social e sul canale YouTube del Commissariato, gli oltre 70 giovani volontari e mentor che avranno tra l'altro il compito di guidare i visitatori del Padiglione Italia. (aise)