Tornano gli Erasmusdays: 300 eventi in tutta Italia

FIRENZE\ aise\ - Inclusione sociale, protezione dell’ambiente, trasformazione digitale e partecipazione alla vita democratica. Sono i temi chiave del programma Erasmus+, nonché i temi chiavi degli #Erasmusdays, l'iniziativa che coinvolge tutta la community del Programma Erasmus+ che torna dal 14 al 16 ottobre anche in Italia. Un evento diffuso in tutto il mondo e aperto a scuole, università, istituti, enti di formazione e centri per l’educazione degli adulti e la gioventù. L’iniziativa è alla sua 5° edizione e si preannuncia ancor più partecipata rispetto al 2020, al momento sono oltre 4.000 gli eventi programmati in 82 paesi nel mondo, un numero destinato a crescere ancora.
L'edizione di quest’anno è particolarmente significativa perché coincide con l’avvio del nuovo Programma Erasmus+ 2021/2027. Si tratta di un evento promosso da tutte le Agenzie nazionali Erasmus+: Indire, Inapp e Ang con il patrocinio della Commissione europea, in particolare di Mariya Gabriel, Commissaria EU per Innovazione, ricerca, cultura, istruzione e giovani. Anche le Unità italiane eTwinning ed Epale parteciperanno agli Erasmusdays.
Anche in questa edizione sono moltissimi i soggetti coinvolti, come scuole, università, centri di istruzione per gli adulti, istituti per la formazione, centri di ricerca ma anche società private, associazioni sportive, centri per l’impiego, Ong, associazioni giovanili, enti, centri di volontariato, youth worker e anche organizzazioni attive nell’ambito del Programma Corpo Europeo di Solidarietà. L’Italia si prepara a celebrare gli #Erasmusdays con circa 300 eventi tra conferenze, tavole rotonde, eventi sportivi, giochi e incontri online tra istituti partner di progetti, webinar, dirette e storie sui canali social, giornate porte aperte, racconti di esperienze e mostre fotografiche.
Tra le città coinvolte: Torino, Milano, Lecco, Treviso, Verona, Piacenza, Modena, Genova, Firenze, Pisa, Sassari, Roma, Pescara, Napoli, Salerno, Foggia, Taranto, Cosenza, Messina, Catania e Palermo.
Nell’ambito scuola si segnala l’Istituto scolastico A.Volta di Perugia che organizza sabato 16 ottobre, in collaborazione con il Comune di Perugia, Regione Umbria e Europe Direct Perugia, Let’s go, Europe! per celebrare e condividere l’esperienza Erasmus+ della scuola, diffondere i risultati dei progetti realizzati e raccontare le storie degli alunni che hanno partecipato. A Bologna, il Liceo Laura Bassi organizza il 14 e 15 ottobre “Erasmus days, Erasmus life!”, due giornate informative per disseminare i risultati dei progetti Erasmus+ della scuola con workshop tenuti dagli alunni, proiezioni video, interviste e una videoconferenza sulla piattaforma eTwinning Live, in cui incontrare i partner europei che lavorano con la scuola bolognese.
Sul lato istruzione superiore si segnala lo Welcome Day organizzato il 14 ottobre nell’Orto botanico dell’Università di Palermo e aperto agli studenti interessati a partire in Erasmus+ in mobilità in Sicilia. È prevista la partecipazione delle associazioni studentesche per fornire supporto e informazioni relative allo studio e alle attività culturali e ricreative possibili in Erasmus+. L’Università Tor Vergata di Roma organizza il 14 ottobre “Digitalizzazione e il futuro dell’Istruzione superiore in Europa”, una conferenza sul ruolo delle tecnologie digitali nelle mobilità blended Erasmus+ (in presenza e virtuale), l'impatto sull'inclusione degli studenti con bisogni speciali e il campus virtuale. Parteciperà ai lavori anche Claudia Peritore, Capo Unità Istruzione Superiore all’Agenzia Erasmus+ Indire. Nel pomeriggio alcuni studenti racconteranno la loro esperienza di mobilità virtuale, con la partecipazione dei vincitori del photo contest Erasmus Instagram, lanciato dall’Università.
Nel settore formazione professionale numerosi eventi saranno l’occasione per raccontare e far raccontare le esperienze dirette dei ragazzi che hanno partecipato a una esperienza di mobilità. A momenti di informazione si alterneranno momenti di divertimento, come l’iniziativa di FORTES Impresa Sociale Srl che con l’iniziativa “Una parola per descrivere l'esperienza Erasmus” intende coinvolgere i in una sfida virtuale paesi partecipanti al programma, diversi tra loro ma legati da una sola parola: Erasmus+.
Nel settore gioventù sono state organizzate dalle associazioni giovanili, informagiovani, gruppi informali di giovani, enti diverse attività con lo scopo di promuovere la mobilità giovanile e le esperienze di volontariato sui territori, portando in profondità i programmi europei - non solo Erasmus+ ma anche Corpo Europeo di Solidarietà - come l’iniziativa organizzata dall’Informagiovani di Vicenza per il 14 ottobre e le iniziative digital come il format Quiz instagram sul volontariato, organizzato dall’Informagiovani di Lucca, il 16 ottobre. In programma anche laboratori attivi di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, organizzati dall’Associazione Tulime il 15 ottobre.
Nell’ambito dell’Educazione per gli adulti il Ciape, Centro italiano per l’apprendimento permanente, di Roma organizza il 14 ottobre il Laboratorio urbano "Ri-connettersi", presso la Città dell'Altra Economia, sui temi della nuova organizzazione del lavoro post-pandemia per un confronto su modelli, strumenti e competenze da sviluppare. A Chieti, il 15 ottobre, SmartLab Europe organizza in collaborazione con l'Università d'Annunzio di Chieti la giornata di promozione della lettura EU Reading Circles che racconterà l'esperienza dei Circoli di lettura rivolti agli adulti del territorio. (aise)